Fiesso d’Artico, migranti impiegati gratis per i lavori pubblici

fiesso-lavori-pubblici-migrI Comuni di Fiesso e di Dolo, come fatto da altri comuni del territorio, hanno firmato nelle scorse settimane dei protocolli d’intesa, con la Prefettura e con le associazioni, per impiegare gratuitamente i cittadini migranti richiedenti asilo in lavori di pubblica utilità. L’iter procedurale è in fase di completamento, e nelle prossime settimane potrebbero già iniziare. Nel territorio comunale di Fiesso, all’hotel Riviera, sono ospitati 25 cittadini migranti. Di questi 15 sono “in carico” a Fiesso, e i rimanenti a Dolo. Nel vicino comune rivierasco sono ospitati altri 16 cittadini migranti: otto alla Casa a Colori e altri otto alla Casa Marina. I migranti saranno impegnati in attività che riguardano la cura e la pulizia del verde, e la manutenzione delle dotazioni di arredo urbano.

A Dolo, per esempio, sono previsti anche lavori di ripristino del deflusso delle acque, distribuzione di materiale informativo, e aiuto per l’allestimento e la preparazione di manifestazioni paesane. “Abbiamo svolto una riunione assieme all’associazione che li ha in carico – precisa il sindaco Andrea Martellato – per definire le mansioni nelle quali saranno impegnati i migranti. Adesso il progetto potrà partire”. Sulla questione è intervenuta anche Carlotta Vazzoler, assessore ai servizi sociali di Dolo. “L’obiettivo del protocollo – ha detto in un comunicato stampa – è quello di definire percorsi educativi di accoglienza e integrazione a favore di migranti ospitati nel territorio che permettano loro di conoscere il contesto sociale locale anche attraverso questo tipo di attività di volontariato, dando anche così tramite la loro operosità, testimonianza della loro riconoscenza ad un territorio che li sta ospitando. Abbiamo una responsabilità sociale verso queste persone che devono fidarsi e affidarsi a qualcuno per sopravvivere, e costruirsi un nuovo futuro”.

 

Giacomo Piran

Lascia un commento