Mirano, nasce la nuova località “Case al Desman“

veternigo miranoAlla fine la spunta Santa Maria di Sala. Saranno rimossi i cartelli della discordia con Mirano, che aveva istituito ai confini con il comune dei Farsetti la località Veternigo di Mirano, omonima della frazione salese. La scelta, apparsa subito infelice, non era piaciuta né ai cittadini (salesi) di Veternigo né al sindaco di Santa Maria di Sala Nicola Fragomeni, che aveva subito chiesto alla collega Maria Rosa Pavanello di far rimuovere i cartelli, che peraltro identificavano solo un gruppo di case lungo via Desman, provocando confusione lungo la provinciale. Nelle scorse settimane la giunta miranese ha così deciso di tornare sui suoi passi, decretando il cambio di denominazione della località, che da Veternigo (Mirano) diventerà ora “Case al Desman”.

Polemiche finite? Nemmeno per sogno: per cambiare nome alla località, una delle tante individuate dal Comune per limitare la velocità dei veicoli in transito attraverso l’individuazione di nuovi centri abitati, non solo si sono dovuti acquistare nuovi cartelli in sostituzione di quelli contestati, ma si è pure dovuto impiegare il personale dell’ufficio tecnico per effettuare una nuova ricerca toponomastica, in modo da trovare nomi storicamente adeguati alla zona. E serve tra l’altro l’ok del prefetto di Venezia. “L’amministrazione comunale di Mirano ritiene opportuno rinominare la località al fine di evitare fraintendimenti con la vicina frazione di Veternigo del Comune di Santa Maria di Sala”, si legge nella delibera, che spiega nel clamore suscitato all’indomani dell’apposizione del cartello “Veternigo (Mirano)” e dal risalto avuto negli organi di stampa, la decisione di effettuare il dietrofront. Le nuove località miranesi generano in realtà scontento anche in altre parti del comune: equiparano frazioni e antiche borgate con storia e identità specifiche a località mai esistite, come ad esempio le zone industriali, create per istituire una zona di circolazione a 50 chilometri orari.

Filippo De Gaspari

Lascia un commento