Cartura, la nuova scuola primaria costerà 2,6 milioni

zanardo massimo2Cartura avrà la sua nuova scuola primaria. Il Comune, attraverso la Provincia di Padova che ha gestito il bando di gara, ha individuato la ditta che si occuperà della progettazione definitiva ed esecutiva, nonché della realizzazione del nuovo plesso scolastico, che sorgerà su un terreno di proprietà comunale nella zona delle scuole e degli impianti sportivi.

Il costo dell’opera ammonta a circa 2 milioni e 600 mila euro. La spesa sarà sostenuta con 1.500.000 euro di finanziamento regionale, 260 mila euro di fondi propri del Comune, mentre la quota restante sarà a carico dell’aggiudicatario dell’appalto, che in permuta riceverà quattro immobili di proprietà comunale: un terreno edificabile in viale dei Giardini della superficie di 2.020 metri quadri; l’area di 2.792 metri quadri su cui sorge la scuola media e lo stesso plesso scolastico; un’area edificabile di vicolo Tiepolo comprensivo di fabbricato residenziale in disuso; un’altra area edificabile sempre in vicolo Tiepolo con annesso il fabbricato degli ex spogliatoi. Una volta realizzata la nuova scuola primaria, l’attuale edificio che ospita le elementari verrà occupato dalle scuole medie. “Questo andrà a risolvere, da un lato i problemi di spazio delle attuali scuole elementari, che hanno un numero appena sufficiente di aule per la didattica mentre non hanno aule speciali/laboratori a sufficienza, e dall’altro si andrà a risolvere il problema di adeguatezza e sicurezza delle attuali vecchie scuole medie – spiega il sindaco Massimo Zanardo – La nuova scuola sarà uno stabile che rispetterà i nuovi parametri di efficientamento energetico, e soprattutto sarà una struttura a norma e antisismica. Riuscire a costruire la nuova scuola primaria sarà un risultato storico per il nostro Comune, viste anche le condizioni economiche attuali e i problemi avuti con il Pip di Cagnola. Se tutto andrà come deve andare avremo una scuola completamente nuova, a norma di legge, sicura e senza nessun mutuo passivo”.

Salvo intoppi i lavori potrebbero partire già in primavera. “E’ sicuramente l’opera principale del mio mandato amministrativo – conclude il sindaco Zanardo – un’opera che ha richiesto un impegno personale e degli uffici molto gravoso. In questi anni abbiamo presentato vari progetti e diverse richieste di contributo”.

 

Francesco Sturaro

Lascia un commento