Adria, è arrivato il nuovo vescovo Pierantonio Pavanello

pavanello-vescovo“Senza di voi, cari amici e fratelli, oggi non sarei qui”. Sono le prime commosse parole del nuovo Vescovo della Diocesi di Adria e Rovigo, Pierantonio Pavanello, nel corso dell’Ordinazione episcopale, alla presenza di 22 vescovi, 260 sacerdoti e quasi 2 mila fedeli, presieduta dal cardinale Pietro Parolin. L’ingresso ufficiale in Diocesi è stato il 6 marzo. “Di fronte a questa chiamata mi sono sentito prima di tutto smarrito di fronte a un impegno che mi appare di gran lunga superiore alle mie forze e alle mie capacità… Indirizzo un pensiero di affettuosa gratitudine a Papa Francesco per la fiducia che ha riposto in me chiamandomi all’episcopato” aveva scritto al momento della nomina.

E in un messaggio alla sua nuova Diocesi, prima dell’ingresso ufficiale che si è svolto lo scorso 6 marzo, il nuovo Vescovo scriveva: “Vengo, prima ancora che come padre, come un fratello che desidera camminare con Voi per vivere e annunziare insieme il Vangelo di Gesù. Vi chiedo pertanto di accogliermi con semplicità, come uno di famiglia: essere Chiesa infatti è prima di tutto sentirci «famiglia dei figli di Dio»”. In questi giorni ho vissuto nuovamente l’esperienza della «chiamata» del Signore: come quando a ventun anni ho lasciato l’università per andare in seminario, anche in questi giorni ho provato lo smarrimento per un cammino nuovo e impegnativo, ma anche la gioia di dire di «sì» al Signore e di sentirmi sostenuto e consolato da Lui. Per questo posso aprire il cuore al ringraziamento e alla lode: come vescovo, infatti, mi viene affidata una paternità ancora più grande di quella sperimentata finora come prete.

“Un pensiero affettuoso rivolgo al Vescovo Lucio, che con generosità ha guidato la Chiesa di Adria – Rovigo negli ultimi undici anni. Confido di poter contare sempre sul sostegno della sua amicizia e della sua preghiera. Saluto poi, indistintamente, tutti i membri del Popolo di Dio. Vi prego di portare il mio saluto anche a chi non crede, a chi è alla ricerca di un senso per la propria vita, a chi appartiene ad altre tradizioni religiose: il Vangelo che annunciamo è buona notizia per tutti!”.

Il nuovo Vescovo è nato a Bassano del Grappa (Vi) il 20 maggio 1955 è stato ordinato sacerdote il 16 maggio 1982.

Giorgia Gay

Lascia un commento