Coldiretti Padova, “nutria tour” sugli argini e nei campi

nutria-1Una scampagnata per vedere con i propri occhi gli effetti della proliferazione incontrollata delle nutrie. Gli agricoltori di Coldiretti Padova sono disponibili ad accompagnare sugli argini e nei campi i giudici del Tar Veneto che nei giorni scorsi ha accolto il ricorso di alcuni ambientalisti contro la delibera approvata dal Comune di Due Carrare. “Ancora una volta – spiega Federico Miotto, presidente di Coldiretti Padova – c’è chi si impegna per fare e chi per disfare. Il provvedimento approvato da alcune amministrazioni comunali permette di affrontare un’emergenza ormai sfuggita di mano. Come ha ribadito anche il Consorzio di Bonifica Adige Euganeo le nutrie, presenti in decine di migliaia di esemplari, sono una vera e propria minaccia lungo gli argini dei nostri fiumi. Le loro gallerie ne indeboliscono la tenuta soprattutto in occasione delle piene che seguiranno le piogge primaverili. A questo si aggiungono i rischi per chi lavora ogni giorno nei campi: le buche che si aprono improvvisamente nel terreno per il cedimento delle gallerie scavate dalle nutrie possono provocare il ribaltamento dei trattori e dei mezzi agricoli. Per non parlare poi dei danni ingenti ad ogni genere di coltivazione, in ogni periodo dell’anno”.
“Siamo disponibili- prosegue Miotto – ad accompagnare i magistrati amministrativi del Tar e gli ambientalisti lungo i nostri argini e in campagna affinché possano rendersi conto come quanto stiamo denunciando da anni rappresenti una concreta minaccia per la sicurezza di tutti oltre che per il lavoro di migliaia di agricoltori. Non vorremmo trovarci un giorno di fronte agli effetti di una rotta arginale provocata dalla mancanza di volontà di risolvere un problema concreto. Gli agricoltori non sono cacciatori, a noi non interessa sparare ma proteggere l’ambiente in cui viviamo e lavoriamo ogni giorno e proteggere anche gli stessi animali selvatici, purché siano inseriti nel loro ecosistema. Da tempo abbiamo avviato una proficua collaborazione con gli amministratori comunali, ben consapevoli dei problemi causati dalle nutrie sul nostro territorio. Purtroppo la burocrazia e l’attivismo di chi cerca un briciolo di visibilità mettono a rischio un lavoro di mesi. Non è questo il modo migliore per difendere il nostro ambiente, di cui l’agricoltura è un elemento indispensabile. Non è a colpi di ricorsi che si mettono in sicurezza i canali contro il rischio di alluvioni”.
La legge, ricorda Coldiretti Padova, prevede che l’abbattimento diretto possa essere effettuato da cacciatori (durante l’esercizio dell’attività venatoria esclusivamente nei territori loro assegnati per l’esercizio della caccia, nei periodi e negli orari consentiti dal calendario venatorio) e dagli agricoltori in possesso di porto d’armi nel perimetro dell’azienda agricola in proprietà o in conduzione. Inoltre la cattura con gabbie trappola potrà essere effettuata per tutto l’anno da parte di soggetti autorizzati, del personale della protezione civile, dei Consorzi di Bonifica e del Genio Civile nonché da parte degli stessi agricoltori. E’ invece severamente vietato l’uso di veleni e rodenticidi.
Coldiretti Padova ricorda che l’emergenza nutrie è solo uno degli aspetti che riguardano le problematiche legate al proliferare incontrollato della fauna selvatica, dai cinghiali sui Colli Euganei (e non solo) alle gazze e a tutti gli altri animali che, cresciuti esponenzialmente di numero, prendono di mira e creano ingenti danni alla nostra agricoltura. “A noi sta a cuore il lavoro delle nostre imprese, – conclude Miotto – non solo sul fronte meramente produttivo ma anche di salvaguardia del territorio e dell’ecosistema. Intervenire con le giuste contromisure significa pensare anche al futuro del nostro ambiente e alla sua tutela”.

Lascia un commento