I sapori della primavera a Strugnano, il carciofo

carciofoAlla fine di maggio a Strugnano si respirerà nuovamente aria di festa. Dopo il successo della Festa dei cachi che ha avuto luogo lo scorso autunno, ora, sempre piu si avviciana la Festa primaverile del carciofo. Nelle piantagioni di Strugnano, appunto, viene coltivato il carciofo istriano, ovvero la varietà autoctona di tale ortaggio, una vera prelibatezza per il palato e un toccasana per la salute.

Nel Litorale sloveno il carciofo istriano gode di una tradizione addirittura più lunga dei cachi, infatti, a Strugnano è noto sin dai tempi della Repubblica di Venezia. Viene coltivato in aree soleggiate, che da queste parti di certo non mancano. Ama particolarmente il caldo e offre il meglio di se nel mese di maggio. È di colore verde violaceo ed è un po più piccolo rispetto alle altre specie di carciofi, ma sopratutto è particolarmente gustoso ed è molto apprezzato dagli intenditori alla pari di altre bontà come ad esempio gli asparagi selvatici.

La Festa del carciofo quest’anno avrà luogo il 28 e il 29 maggio e sarà all’insegna del carciofo e delle specialità gastronomiche a base di carciofo. I visitatori potranno conoscere meglio questa pianta e il sua impiego in cucina, inoltre potranno fare visita alle piantagioni di carciofi e al suggestivo parco naturalistico.

Teneri e dolci cuori di carciofo: la salute donata dalla natura

Le proprietà salutari e benefiche del carciofo vengono riconosciute e impiegate in medicina soltanto nel 20esimo secolo. Il carciofo, infatti, favorisce la digestione, ha effetti positivi sulla flora batterica, depura il fegato, favorisce il funzionamento della bile, è efficace contro il colesterolo, favorisce la diuresi, inoltre allevia la sindrome dell’intestino irritabile. Il carciofo è composto per l’ 88% di acqua, il resto è rappresentato da sostanze salutari – vitamine B, C e K, betacarotene, calcio, acido follico, potassio, magnesio, sodio…e sembra proprio, abbia anche proprietà afrodisiache.

La lista delle pietanze che si possono preparare con questa pianta mediterranea è davvero lunga: gustose e appetitose insalate a base di carciofo, carciofini sott’olio, carciofi come contorno dei piatti di carne, pasta ai carciofi, pizza ai carciofini… tutto è possibile con il carciofo.

In occasione della festa del carciofo gli chef del Centro Talasso Strugnano saranno lieti di preparate molte specialità a base di carciofo.

Ricetta
Gnocchi ai carciofi

Ingredienti (per una persona)

20 dag di gnocchi di patate, 3 carciofi, mezzo peperone rosso, 4 funghi champignon, aglio,

cipolla, rosmarino, prezzemolo, sale, pepe, olio d’oliva, alcuni cucchiai di brodo vegetale o di

vino, alcuni cucchiai di panna da cucina

Preparazione

In una padella mettiamo dell’olio d’oliva, aggiungiamo i cuori dei carciofi tagliati a metà, un

peperone rosso tagliato a dadini, aglio tritato, alcuni funghi champignon, una cipolla piccola

tritata e delle spezie: rosmarino, pepe, sale. Gli ingredienti vengono rosolati in padella finché

non diventano morbidi e iniziano a emanare il loro inconfondibile profumo. Quindi copriamo

la padella per alcuni minuti e aggiungiamo man mano il brodo o del vino bianco.

Aggiungiamo degli gnocchi precedentemente saltati in acqua bollente e continuamo a

cuocere per altri 2 minuti. Alla fine togliamo la padella dalla fiamma, aggiungiamo della

panna e cospargiamo il tutto con il prezzemolo. Servire subito ancora caldo.

Si dice che una volta assaggiati i carciofi di Strugnano, tutte le altre specie, pur sempre

gradevoli, passino comunque in secondo piano.

Buon appetito!

Lascia un commento