Rifiuti, Camponogara riduce i costi della raccolta differenziata

mun campolongoI costi della raccolta differenziata di Camponogara sono stati ridotti di oltre l’80%. La formula vincente è stata la riduzione del rifiuto secco da 104 svuotamenti a 7/8 all’anno. Il modello della raccolta e trattamento dei rifiuti è ispirato alla “politica delle 4 R” (riduzione, riutilizzo, riciclaggio e recupero). Questo è il modello che Camponogara sta adottando con il sistema di raccolta “porta a porta” dei rifiuti urbani, con tariffazione puntuale. I risultati dall’inizio del nuovo sistema, hanno evidenziato una riduzione drastica del conferimento del rifiuto secco, una riduzione della tariffa del 7%, e un aumento del rifiuto riciclabile, arrivando a una percentuale della raccolta al 82%. Il Piano finanziario del servizio è passato da 1.294521 euro del 2013, a 1.207598,88 euro del 2016.

Nel 2016 sarà ridotto il costo del rifiuto, ridotti gli svuotamenti minimi, ridotta la tariffa variabile, nuovo servizio di ecomobile a Camponogara; una riduzione della bolletta. “Il Comune ha un guadagno sui materiali di riciclo quali la plastica, la carta, le lattine e altro – dice il sindaco Gianpietro Menin – parliamo di circa 72 mila euro all’anno”. Nel comune sarà sistemata nel territorio una video camera per sorvegliare possibili abitudini incivili dei cittadini. Insomma, un bel risultato che premia la capacità dei cittadini di Camponogara di fare una raccolta differenziata dei rifiuti davvero all’avanguardia e che ha portato ad ottenere un risparmio nel costo della bolletta dello smaltimento. Anche altri comuni della Riviera ne seguiranno a breve l’esempio e ciò permetterà un risparmio consistente da parte delle famiglie.

 

Lascia un commento