Tele Port Tole, il tg satirico che racconta il paese

tele port tole“Ghè novità?”. Una sigla vera e propria, due conduttori, uno studio con tanto di bancone. Questo è Tele Port Tole, un tg satirico lanciato con successo da quattro ragazzi per raccontare, con umorismo, il paese. L’idea nasce con l’inizio del 2016 e un numero speciale, il primo, dedicato al Capodanno. Tre mesi e oltre tremila “like” dopo, il tg può contare su una schiera di fan che aspettano, con il sorriso, la prossima puntata. Il canale Tele Port Tole nasce dall’idea di Elvis Tessarin, classe 1992, grafico pubblicitario; Michele Destro, 1991, impiegato nel settore ittico; Nicola Crivellari, 1990, autista; Luca Marangon, 1996, studente. Quando sono in onda sono Elvis, Destro, Crive e Luca. Una volta a settimana pubblicano on line 6-7 minuti di informazione e divertimento puro: tutto rigorosamente in dialetto.

Ma parlano di temi reali, attuali, come la pesca e i ponti di barche, giusto per fare due esempi. Giovani, attenti alle nuove tecnologie, fanno tutto via smartphone. Diffondono tutto sulla loro pagina Facebook (con tanto di anticipazioni) e sul canale Youtube dedicato. “Ogni volta è come la prima volta” racconta Destro nel corso dei festeggiamenti per l’edizione numero 10, per poi partire con un “approfondimento” dedicato alla musica perchè “qui da noi non c’è mica solo nebbia e nutrie, ci sono dei bravissimi musicisti, delle grandi promesse e degli evergreen (libera traduzione dal dialeto, ndr)”. I servizi, proprio come un vero tg, sono realizzati in esterna – sempre registrati da cellulare – e propongono interviste e immagini montate ad arte. E poi ci sono le flash news, rubriche sempre nuove e dedicate al territorio come quella sulle eccellenze del comune di Porto Tolle.

Senza dimenticare i concorsi, come quello dedicato alle fotorafie degli animali domestici. Tutte iniziative e idee che raccolgono sempre maggiore consenso non solo nella popolazione più giovane: come si vede nelle foto che vengono condivise nella pagina Facebook del Tg, i quattro conduttori hanno conquistato un pubblico di tutte le età. Chissà, magari sarà anche un modo per abbattere le ritrosie dei più anziani verso la tecnologia e i social media… Alla prossima puntata!
Giorgia Gay

Lascia un commento