Lando si trasferisce, così cambia il volto del centro di Noale

Lando-Noale_2Una nuova pagina per il centro di Noale. Una nuova pagina, perché il trasferimento del supermercato Lando, dall’attuale sede di via dei Novale a via Coppadoro, in zona industriale, non passa inosservato e sarà destinato a cambiare il volto di tutta l’area attorno a piazza XX Settembre, ovvero il cuore cittadino. Una volta trasferito, a quel punto anche l’incrocio con via sant’Andrea potrebbe essere messo in sicurezza all’interno di un progetto di riqualificazione più ampia. Ma questi sono discorsi futuribili, anche se in municipio s’inizia già a parlare di cosa poter fare in quel punto tra qualche anno. Di certo c’è che il consiglio comunale, in modo unanime, si è pronunciato in modo positivo allo spostamento negli ex edifici dell’azienda Scarpa, ora dismessi. La superficie del futuro Lando toccherà anche in piccola parte il comune di Salzano. Un progetto ambizioso, di cui si parlava da qualche anno e che dovrà riqualificare allo stesso tempo due aree diverse ma distanti poche centinaia di metri.

L’edificio attuale di Lando è di media grandezza, ovvero meno di 5 mila metri quadrati, e quello nuovo sarà attorno agli 8 mila, di cui 6.040 saranno per la vendita alimentare, 4200 per il magazzino e 1900 per il non alimentare. Ma uno dei punti di forza sarà la bonifica della superficie di via Coppadoro e quanto sarà costruito attorno. Intanto dagli edifici ex Scarpa sarà tolto l’amianto, per il nuovo Lando saranno usati materiali per ridurre l’impatto ambientale e sostenibili, avranno l’isolamento termico e acustico. Ci saranno caldaie più efficienti, dispositivi per il recupero energetico, un impianto fotovoltaico per la metà del suo fabbisogno, sarà riciclata l’acqua piovana. Il futuro supermercato sarà ben fornito anche a livello di parcheggi, cosa impensabile ora a centro metri da piazza XX Settembre, cuore cittadino.

Infatti, ci saranno 877 posti auto e per accedervi si potranno usare gli ingressi da via Pacinotti (variante alla Noalese) e via Coppadoro. In quest’ultimo caso, all’incrocio con la Noalese sarà costruita una rotonda a forma di pavesino, che dovrebbe consentire di snellire il traffico da e verso il centro di Noale. Per accedere all’area degli impianti sportivi, sarà costruita una passerella di collegamento sul fiume Marzenego. Sarà installata l’illuminazione. Saranno sistemate via Galilei e via Marconi. Per accedere a via Coppadoro, sulla Noalese, all’altezza di via Montello, sorgerà una piccola rotatoria. Il trasloco dovrebbe avvenire in tempi rapidi, il periodo stimato è attorno ai due anni. In mezzo, infatti, ci dobbiamo mettere i vari permessi dei soggetti interessati e i lavori di sistemazione della struttura di via Coppadoro che porteranno via dei mesi. A questo punto, il biennio sembra la scadenza più verosimile, anche se la proprietà ha già tutto pronto per sostenere l’investimento nell’aria da tempo.

 

Alessandro Ragazzo

Lascia un commento