Cultura: “Voci per la libertà” si fa impresa

voci libertaL’Associazione culturale “Voci per la Libertà” è tra le realtà vincitrici del bando CulturalMente Impresa 2015 indetto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, insieme al Teatro del Lemming di Rovigo, con il progetto Spaziliberi. Grazie al bando, potrà avviare un rafforzamento organizzativo, gestionale ed economico e accrescere la proposta culturale sul territorio.   CulturalMente Impresa è infatti un percorso di crescita che la Fondazione ha proposto alle 58 associazioni vincitrici delle scorse edizioni di CulturalMente. Delle 37 realtà culturali che hanno raccolto la sfida, 11 di loro avranno l’opportunità di trasformarsi in vere e proprie imprese culturali, mediante il cofinanziamento di azioni specifiche per aumentare l’autonomia finanziaria e i livelli di occupazione, potenziare il sistema di offerta dell’organizzazione e migliorare i livelli di professionalizzazione.
In questo percorso di crescita saranno accompagnate dalla Fondazione Fitzcarraldo, centro d’eccellenza nell’ambito del management culturale. “La vittoria del bando – commenta il presidente Giovanni Stefani – riconosce l’enorme lavoro fatto in questi anni per la promozione culturale e territoriale, soprattutto grazie ai festival Voci per la Libertà – Una Canzone per Amnesty e DeltArte. Quello che possiamo garantire è il nostro impegno, che sarà  ancora maggiore, per riuscire a esprimere appieno la nostra creatività con sempre maggiore professionalità, senza mai venir meno ai nostri valori, avendo come riferimento la cultura, i diritti umani e il territorio”.
“Un grande ringraziamento a coloro che in primis hanno lavorato per la stesura del progetto: il direttore artistico di Voci per la Libertà Michele Lionello, l’ideatrice e curatrice di DeltArte Melania Ruggini e la nuova professionalità legata al marketing e al turismo Selene Cassetta”.
Con il progetto Spaziliberi, l’associazione Voci per la Libertà intende contribuire in maniera concreta alla valorizzazione e promozione delle unicità che contraddistinguono il territorio di riferimento: turismo, arte e musica sono infatti i tre cardini sui quali si intende imperniare lo sviluppo dell’area polesana e deltizia. Attraverso l’integrazione di questi tre settori, prenderà forma il nuovo sistema di offerta dell’associazione, per offrire al territorio servizi specifici e altamente professionali nell’ambito dell’organizzazione di eventi culturali e artistici, di servizi formativi ed educativi e di consulenze nel settore del marketing e della comunicazione. Nel medio periodo, l’associazione sarà pronta ad attivare l’ampliato sistema di servizi in ambito turistico, musicale e artistico, oltre ad avviare la gestione di due spazi pubblici individuati nella sala prove del Comune di Villadose e del Centro Congressi di Rosolina Mare.
L’ampliamento e il consolidamento del sistema di servizi culturali saranno la chiave di volta per garantire una buona autonomia finanziaria dell’associazione, ora in grado di attivare un’adeguata programmazione delle proprie attività core, ovvero principalmente il festival Voci per la Libertà  –  Una Canzone per Amnesty. dedicato alla musica e ai diritti umani, e al festival d’arte contemporanea DeltArt, con i relativi eventi strettamente collegati.
Melania Ruggini

Lascia un commento