Tornado, amianto a tonnellate sparso sul terreno

tasse rovigoIl tornado è passato lo scorso 8 luglio, devastando i comuni di Dolo, Mira Pianiga, ma sul terreno purtroppo resta ancora sparso amianto a tonnellate. Il passaggio del tornado in Riviera fu calcolato dallo Spsal dell’Ulss 13 e dai Comuni, provocò lo spargimento di 160 tonnellate di eternit su una zona di una ventina di chilometri quadrati, fra strade aree private e campi. Per bonificare completamente l’area ci vorranno anni. Si stima da parte di Veritas che la quantità dispersa in aree agricole e aree private sia 4 volte tanto quella raccolta nelle aree pubbliche.

A denunciare il problema ultimamente sono stati i residenti della località di Ca’ Tron, proprio dietro gli istituti scolastici, dove si trova il professionale “Cesare Musatti”, il tecnico commerciale “Maria Lazzari” e il liceo scientifico “Galileo Galilei”. Un’area frequentata ogni giorno da centinaia di ragazzi. Queste aree che non sono state completamente bonificate, ora sono state arate dai contadini e quindi l’eternit che si è staccato dai tetti si è completamente sbriciolato per il passaggio dei trattori. La conseguenza è che l’amianto ora quasi polverizzato rischia di finire sulle falde acquifere e disperso nell’aria.

Un’altra situazione che sempre nelle ultime settimane è stata denunciata, è quella dell’ex capannone della “Baldan costruzioni serramenti in alluminio”, che si trova ad Arino in via delle Industrie. La copertura era di eternit e il tornado l’ha sparsa dappertutto su due chilometri quadrati. I residenti sono pronti ad inviare un esposto alla Procura della Repubblica. La ex Baldan costruzioni è fallita nel 1997 e da allora la ex proprietà è gestita da un curatore fallimentare. Il capannone nell’abbandono più totale è deserto. Il Comune di Dolo dal canto suo con l’assessore all’ambiente Marina Coin promette di agire con celerità in entrambe le situazioni di pericolo, per la salute dei cittadini.

Alessandro Abbadir

Lascia un commento