Adria, Barbujani: “Bisogna riqualificare le scuole”

scuola adria“Sono circa 5 mila gli studenti che quotidianamente raggiungono le scuole di Adria ed è un numero considerevole che contribuisce a fare della nostra città un crocevia importante per i giovani”. In merito alla situazione della scuola adriese, il sindaco Massimo Barbujani sottolinea di aver sempre mantenuto un filo diretto con i dirigenti scolastici dei diversi istituti comprensivi e con le diverse istituzioni scolastiche, molte delle quali sono vere e proprie “eccellenze a livello non solo locale ma provinciale e regionale”.

“Fino ad oggi sono stati molti gli investimenti e le spese sostenute per adeguamenti e riqualificazione delle strutture – evidenzia Barbujani –. Fanno a capo al comune infatti gli istituti comprensivi, dalla scuola dell’infanzia fino alla scuola secondaria di primo grado mentre sono di pertinenza provinciale gli istituti secondari di secondo grado”. “Le maggiori problematiche riguardano l’edilizia scolastica per gli istituti di secondo grado – sottolinea il primo cittadino – perché purtroppo, nonostante diverse sollecitazioni, ciò che rimane dell’ente provinciale ha risorse pressoché nulle per affrontare la riqualificazione di strutture vetuste e decadenti”.

Tra gli edifici che richiederebbero maggiori interventi secondo il sindaco Barbujani vanno menzionati le sedi del liceo classico e liceo scientifico del polo “Bocchi Galilei” e l’istituto “Maddalena” di via Dante. “Fiore all’occhiello della nostra amministrazione è stato senza dubbio l’investimento a favore del tempo pieno alla scuola primaria – sottolinea Barbujani – che rappresenta un’offerta didattica preziosa per le famiglie del territorio. In questi anni abbiamo sempre sostenuto e supportato le scuole paritarie, come ad esempio le scuole materne parrocchiali – aggiunge – impiegando cifre ben superiori a quelle impiegate nel passato, proprio perché è doveroso per un’amministrazione valorizzare tutte le realtà e quindi l’offerta formativa disponibile”. “Abbiamo instaurato anche un ottimo rapporto di collaborazione con il neodirettore del conservatorio statale “A. Buzzolla” Roberto Gottipavero – conclude – e ritengo preziosa l’iniziativa di valorizzare i nostri giovani artisti offrendo loro la possibilità di esibirsi nei palcoscenici cittadini con il duplice scopo di sostenere l’istituzione ed ampliare quindi l’offerta culturale della città”.

 

Massimiliano Beltrame

Lascia un commento