Chioggia, finita la seconda fase dei lavori del megatubo

megatubo chioggiaE’ ufficialmente terminata la seconda fase dei lavori per la posa del megatubo a Sottomarina. Giovedì 24 marzo, appena in tempo per le festività pasquali, è stato chiuso il cantiere ricavato sul lungomare Adriatico, con la contestuale riapertura al traffico di una delle principali arterie urbane, fondamentale per l’afflusso turistico. Come preannunciato dall’amministrazione comunale, quindi, si è deciso di sospendere l’intervento per non intralciare la stagione turistica che, di fatto, è già iniziata. Le prime belle giornate pasquali, infatti, hanno già portato in città moltissimi turisti, desiderosi di trascorrere qualche giorno all’aperto, approfittando della spiaggia. Dopo l’estate gli operai torneranno però al lavoro per concludere l’intervento, per la terza fase. Tecnicamente si sta realizzando un collettore per le acque bianche.

L’opera prevede la posa di una condotta per le acque piovane, della sezione di un metro in calcestruzzo trattato, e della lunghezza complessiva di 3.050 metri. La condotta raccoglierà le acque piovane che attualmente finiscono nel sedime stradale del Lungomare Adriatico, convogliandole verso una vasca di laminazione che sorgerà nella zona di Via del Boschetto. Il deflusso delle acque così raccolte, come spiegano gli uffici comunali, avverrà in direzione sud, confluendo sul canale di fitodepurazione realizzato dal Consorzio di Bonifica “Brenta Bacchiglione”. Si tratta di un canale dalla larghezza di 14 metri che, partendo da Via Venier, attraversa tutta la zona egli orti, confluendo più ad ovest al Fiume Brenta, a Brondolo. “La piantumazione e l’introduzione di alghe particolari — spiegano i tecnici — innesca un procedimento chimico naturale (fitodepurazione) che depura naturalmente le acque che finiscono nel fiume”. Purtroppo, contrariamente a quanto auspicato da residenti e commercianti, non si è approfittato dei lavori per ammodernare il lungomare, con nuovi lampioni e un più moderno arredo urbano.

 

Andrea Varagnolo

Lascia un commento