Chioggia, Pigozzo: “Si metta in sicurezza Punta Gorzone per evitare altri danni”

acqua alta chioggia“Ricordate quanto è accaduto il 5 febbraio 2015 con l’acqua alta record che mise in ginocchio la città di Chioggia e Sottomarina nonché la viabilità della strada statale Romea? In quella occasione Punta Gorzone fu completamente allagata e le sue abitazioni subirono pesanti danneggiamenti”.

Presenta così il vicepresidente del Consiglio regionale Bruno Pigozzo (Pd) l’interrogazione con la quale sollecita l’attenzione della Giunta regionale sul caso della località nel Comune di Chioggia situata alla confluenza dei fiumi Gorzone e Brenta: “Sul sito insistono una strada provinciale, la ‘Rebosola’ e diverse abitazioni – spiega Pigozzo – A causa della sua singolare posizione geografica questa frazione è particolarmente esposta a fenomeni calamitosi, quali mareggiate e acque alte, che hanno ripetutamente dato luogo ad allagamenti e inondazioni come appunto quella del febbraio 2015. Ebbene nonostante il continuo ripetersi di questi gravi eventi non sono ancora stati compiuti i necessari lavori di messa in sicurezza del sito promessi da tempo dalla Giunta regionale e condivisi da tutte le forze politiche. Per questo chiedo alla giunta regionale se non sia il caso – conclude l’esponente del Pd – di dare al più presto il via all’iter di messa in sicurezza di Punta Gorzone impegnando da subito la somma necessaria alla progettazione a suo tempo stimata in € 300.000, sul complessivo intervento di € 2.000.000”.

Lascia un commento