Chirurgia ossea ricostruttiva in odontoiatria

dentist's instruments with shallow depth of field blue tintedSempre più spesso i pazienti richiedono il ripristino funzionale della dentatura mediante protesi fisse su impianti per una funzione più simile alla naturale e per un risultato estetico soddisfacente. A volte questo è impossibile in quanto la malattia parodontale che ha causato la perdita dei denti ha determinato anche una perdita di supporto osseo. Questo è più evidente nei settori laterali dell’arcata superiore per la presenza del seno mascellare, struttora anatomica cava connessa con le fosse nasali, e nella mandibola per la presenza del nervo alveolare inferiore che da sensibilità e motilità al labbro inferiore escludendo la possibilità dell’inserimento di impianti in titanio per riduzione dell’altezza e dello spessore osseo. Per ovviare a questi inconvenienti si utilizzano tecniche di chirurgia ossea ricostruttiva e rigenerativa. La correzione delle atrofie ossee può essere effettuata principalmente con quattro modalità di trattamento:
-Rigenerazione ossea guidata
-Innesto a blocco
-Espansione della cresta ossea (allargamento dello spessore)
-Rialzo del seno mascellare
L’obiettivo della rigenerazione ossea guidata è quello di promuovere la formazione di nuovo osso attraverso l’utilizzo di membrane e materiali riempitivi di diversa natura. L’osso autologo cioè l’osso proprio del paziente è senz’altro il materiale migliore per l’aumento osseo.
L’innesto a blocco si effettua di solito prelevando dal mento o dall’angolo mandibolare un blocchetto di osso che viene sagomato e fissato nel sito ricevente mediante viti in titanio.
L’espansione di cresta consente di aumentare lo spessore di creste edentule contestualmente all’inserimento di impianti. Il rialzo del seno mascellare si effettua sollevando la membrana di rivestimento del seno e riempiendo lo spazio formatosi con osso autologo o osso artificiale permettendo così un aumento in altezza tanto da poter inserire gli impianti. Queste tecniche, eccetto rari casi di controindicazione per malattie gravi di carattere generale (cardiopatie gravi, diabete scompensato, malattie delle ossa) o nei forti fumatori, possono essere eseguite ambulatoriamente e danno risultati soddisfacenti.

 

Dott. Vezio Bertani
Medico-chirurgo specialista in Odontostomatologia

tel. 0495842949

 

Lascia un commento