Compensazioni Passante, la vicenda approda in parlamento

passanteL ’Italia dei valori porta in Parlamento la questione del recupero dei 19 milioni di euro che spettano a Mirano a compensazione del Passante, proprio mentre il sindaco Maria Rosa Pavanello incontra l’avvocato del Comune per decidere se portare in tribunale la Regione per quei soldi non ancora stanziati. Questo nonostante gli accordi di programma firmati a suo tempo.

L’interrogazione parlamentare sulla vicenda delle risorse dovute è stata annunciata dal senatore dell’Idv Maurizio Romani, dopo essere stata sollecitata nelle scorse settimane dal consigliere comunale dell’Idv a Mirano Giovanni Boldrin e vedrà la sottoscrizione anche della collega Alessandra Bencini. I due senatori segnalano come “la somma che spetta a Mirano sarebbe fondamentale e strategica per il rilancio della vivibilità dell’intero territorio. Il rispetto della legalità si misura rispettando i contratti, ma anche gli atti che li determinano e l’affidabilità della politica si dimostra rispettando gli impegni con gli elettori”.

Nell’atto parlamentare l’Idv chiede al ministero delle Infrastrutture “quali interventi si intendano adottare per permettere ai comuni di ottenere quanto per loro statuito in sede di accordo di programma con la Regione Veneto”. Oltre a Boldrin e Pavanello, sulla questione era intervenuto anche il vicepresidente del Consiglio regionale, del Pd, Bruno Pigozzo, che aveva messo in guardia la giunta Zaia dal permettere un ricorso del Comune di Mirano, con il rischio di scatenare poi una serie di contenziosi da parte di tutti i territori che ancora non hanno visto riconosciute le compensazioni pattuite. Sul fronte opposto interviene Alberto Semenzato, ex vicesindaco di Mirano, ora consigliere regionale della Lega: “Il centrosinistra suggerisca in quali capitoli di bilancio dobbiamo tagliare e ne discutiamo. In autunno però invitino tutti a votare il referendum per l’autonomia del Veneto e il giorno dopo Mirano avrà i suoi 19 milioni”.

Filippo De Gasperi

Lascia un commento