Elezioni Chioggia, Segantin su concessioni impianti Gpl: “Non rimaniamo in silenzio”

segantinUno dei temi caldi della campagna elettorale a Chioggia riguarda la concessione degli impianti di stoccaggio Gpl, su cui i candidati sindaco cominciano a confrontarsi. Marcellina Segantin, candidata sindaco sostenuta dalla coalizione di centrodestra, afferma che le concessioni dureranno per 60 anni, e non 40, come era stato precedentemente confermato.

“Non è possibile rimanere in silenzio su quello che non è stato fatto per salvaguardare gli interessi di Chioggia. Bisogna prendere una posizione ferma ed efficace, innanzitutto nei confronti dei nostri concittadini, che meritano di sapere la verità.”

Da notizie che ci arrivano l’impianto è cosa fatta. I tre serbatoi arriveranno a Chioggia alla fine di Maggio, quel che viene dopo non sarà possibile evitarlo. “Al di là del parere della Salvaguardia – prosegue Segantin – che speriamo possa bloccare l’iter, l’unico intervento che possiamo immaginare di svolgere in extremis è di convincere la SocoGas SpA a spostarsi dalla banchina A. Anche nel porto di Venezia, il traffico di materiali pericolosi è distante dal resto del traffico merci. Non riesco a capire perché a Chioggia si sia prodotta una situazione così caotica.

“Perché non siamo intervenuti prima su una questione così importante per il nostro territorio? – concude Segantin – Credo che ormai la cosa fondamentale sia riuscire, nell’interesse della città, a trovare una soluzione che possa essere risolutiva sia per la salvaguardia del territorio, che per la sicurezza di tutti noi. Una cosa certa è che studierò tutte le carte una volta diventata sindaco, per capire come sia potuta accadere una cosa simile.”

Lascia un commento