Rosolina, scenario ancora incerto sulle elezioni

rosolinaI rosolinesi alle prossime elezioni amministrative previste a giugno si troveranno a dover decidere quali saranno il nuovo sindaco e la nuova amministrazione che per i prossimi cinque anni guideranno la cittadina del Delta dopo il mandato della giunta retta da Franco Vitale. In uno scenario che potrebbe mutare da un momento all’altro non paiono a oggi però ancora ben chiari i contorni delle alleanze che stanno nascendo e si stanno sviluppando per il nuovo governo di Rosolina. Se è infatti, ad esempio, cosa ormai da mesi nota la corsa del Pd, non si può ancora dire chi andrà a caratterizzare la lista che – come sin da subito è stato chiarito – porrà al centro il partito ma sarà aperta alla condivisione della corsa con altre forze politiche.

Allo stesso modo, recentemente, è stata definita la presentazione di una lista a sostegno dell’attuale primo cittadino Franco Vitale: se il sindaco uscente non ha voluto mettere in piazza l’intento di ricandidarsi, la conferma da parte del “gruppo civico Rosolina” che si sta riorganizzando per preparare le basi della ricandidatura dell’attuale primo cittadino ha tolto ogni dubbio. Certo è che a prendere parte alla contesa della poltrona saranno anche i consiglieri che attualmente fanno capo al gruppo di minoranza di Rosolina Moderna, ma anche in questo caso non è ancora dato sapere se e con chi il gruppo di Giancarlo Degrandis sceglierà di condividere la propria candidatura.

Chiara è la discesa in campo della Lega, come confermato dal responsabile del partito nel Delta, il rosolinese Pako Massaro che al momento in cui andiamo in stampa non ha però ancora fatto il nome dell’eventuale candidato sindaco e delle eventuali coalizioni. Nello scenario che contraddistingue il voto si pongono anche i rappresentanti del movimento “Liberamente Insieme” con il consigliere Pierangelo Avanzi e Leo Patrian. Diversi sono inoltre gli incontri che si sono già tenuti con i rosolinesi a cura dell’ex sindaco Ermenegildo Ghezzo, in carica dal 1980 al 1985 e dal 1991 e dal 1995, che intende riprovarci e che sono serviti a tastare il terreno per approfondire alcuni dei temi che intenderà far dei cavalli di battaglia in vista delle elezioni.

Elisa Cacciatori

Lascia un commento