Salvezza, la Clodiense torna magicamente a crederci

clodienseLa Clodiense, che sembrava ormai destinata a una retrocessione sicura, è riuscita nelle ultime due partite ad inanellare due importantissime vittorie, una esterna con la Virtus Castelfranco e una in casa con la blasonata Ravenna. Nella prima vittoria a Castelfrenco la partita si è movimenta al 36’, quando il fallo di Biagini in area ha permesso alla Clodiense di segnare su rigore con Malagò. Nella ripresa la Virtus ha provato a ridare vigore alla propria manovra e si è presentata varie volte davanti alla porta difesa da Okgrolic, senza però colpire. Al 36’ della ripresa, però, il secondo giallo a bomber Rolfini ha lasciato i nostri in 10 uomini. Sotto nel punteggio e con un uomo in meno, la Clodiense ha difeso ancora di più gli spazi e alla fine ha portato a casa il successo. La seconda vittoria è venuta in casa, al “Ballarin”, con il Ravenna che cercava i punti per confermare matematicamente la salvezza ma non ha fatto i conti con i ragazzi di Mister Mattiazzi, che hanno dimostrato che sono ancora una squadra viva e che crede nella salvezza.

Una Clodiense brava e cinica nel resistere alla prima mezzora di netta supremazia del blasonato Ravenna che ha visto i granata costretti a difendersi nell’area di rigore grazie ad un inizio roboante dei ravennati. Al 3’ la botta di Radoi dal limite si infrange sulla traversa, la conclusione di Petrascu un minuto dopo è rintuzzata da Okroglic, l’inzuccata al 7’ di Petrascu, ben smarcato da Magri, finisce sul palo. Al 17’ il cross di Maini per Petrascu è deviato col braccio da Abcha. Rigore netto affidato a Innocenti, il cui rasoterra sul primo palo è intercettato e deviato in angolo da Okroglic. Poi al 31’ Caidi entra male su Barzan, guadagnando la doccia in anticipo. E, in dieci, il Ravenna perde le sue certezze, la Clodiense prende molto coraggio e la partita prende una direzione diversa. Iglio fatica al 34’ sul velenoso spiovente da 40 metri di Moretti, è bravissimo ad alzare oltre la traversa la bordata di Mazzetto, ringrazia il palo che al 3’ della ripresa ferma il tentativo di Rota sugli sviluppi di una punizione di Malagò, ma poi deve arrendersi al micidiale uno-due dei padroni di casa, firmato al 5’ da Dje Bidje che insacca di testa da distanza ravvicinata un cross di Barzan e all’11’ da Boscolo Berto che raccoglie un suggerimento di Rota e infila da due passi un gol facile facile.

Poi la Clodiense dilaga approfittando di un Ravenna sfiduciato e avvilito: Ruocco prende il palo al 33’, Saitta sfiora due volte la rete e in pieno recupero al 48’ Mazzetto si inventa la grande giocata sparando sotto l’incrocio il gol del 3-0. La classifica comunque resta sempre preoccupante ma le contemporanee sconfitte di Villafranca e Mezzolara hanno consentito di accorciare il disavanzo di punti per permettere quanto meno alla Clodiense di poter disputare i play out.

Lascia un commento