Addio al poeta e professore Milo Polles, aveva 80 anni

milo pollesSi è spento domenica 1 maggio, lasciando un vuoto nei suoi familiari, ma anche in chi per anni ha letto e apprezzato le sue opere. L’intellettuale Milo Polles, poeta e scrittore, risiedeva a Spinea, ma la sua poesia era conosciuto in tutto il veneziano.

Nel 2005 presentava il suo ultimo libro di poesie, “Lumache all’incanto”, una sintesi del suo pensiero e della sua poetica.

Un suo profilo è tracciato in una delle sue raccolte di poesie “I canti di Caino” (Fonèma ed., 1989).

“Milo Polles nasce alla luce d’un lume a petrolio in una stazione ferroviaria della campagna veneta, figliato da una giovanissima maestra elementare, sposata ad un capostazione, bello. Della fanciullezza ricorda gelati, film e l’8 Settembre ‘43 con tutti gli orrori conseguenti. Poi vide il mare e studiò e giocò tra Piave e Livenza. Interrotti gli studi di architettura, lavora a Porto Marghera, monstruosa fonderia di umanità. Prende moglie. Fin dalla pubertà si occupa di organizzazioni giovanili, prima; in seguito, politiche e sindacali. Cerca la libertà e la democrazia. Collabora volentieri con chi ha voglia di lavorare. Non ha illusioni, ma ama l’arte e spera di vivere, magari insieme”.

Domani mattina, presso il cimitero di Mestre, verrà celebrata una funzione in suo ricordo.

Lascia un commento