Cavarzere: la lista di Tommasi che “unisce giovani ed esperienza”

lista cavarzere tommasi“Una lista completamente nuova che unisce membri con esperienza (ce ne sono 6 che facevano parte nella lista del 2001) e 10 novità con tante professionalità che permetteranno di gestire al meglio il bene pubblico nei prossimi anni”.  Con queste parole il sindaco uscente di Cavarzere e candidato Henri Tommasi ha presentato la lista “SiAmo Cavarzere” che lo sostiene alle prossime amministrative del 6 giugno. Tommasi conta su un gruppo in cui rientrano membri della lista del Movimento Cavarzere domani,  Pd e Sel.

“Sono convinto che in un gruppo ben formato ci vogliano sicuramente energie giovani, ma anche elementi con esperienza e secondo qiuesto criterio ho voluto comporre la mia lista”. Parola d’ordine: ripartire da quanto fatto in questa amministrazione, con l’obiettivo di rilanciare il paese. Tra le priorità del programma Tommasi mette in cima la sicurezza: “Dobbiamo continuare con l’ampliamento del sistema videosorveglianza – riferisce – e un ottimo risultato è stato aver ottenuto un aumento le forze dell’ordine del territorio”. Sul fronte della viabilità la parola chiave è “viabilità lenta” attraverso un potenziamento di piste cicabili grazie ai finanziamenti che si potranno trovare. E poi ci sono i servizi socioassistenziali, che “devono essere mantenuti, anzi potenziati, a costi invariati”.

Guardando ai 5 anni del primo mandato Tommasi rivendica il lavoro svolto: “I nostri meriti sono semplici e chiari – sottolinea -: noi abbiamo fatto pochissime promesse ma le abbiamo mantenute tutte, al contrario di chi ci ha preceduto. Abbiamo trovato una situazione economica disastrosa e siamo riusciti a sistemarla. Continueremo in questa direzione: con finanziamenti europei, regionali riusciremo a far ripartire il territorio da un punto di vista sportivo, culturale, delle opere pubbliche e nel mondo ricreativo”.

E proprio sulle opere pubbliche Tommasi insiste: “Abbiamo fatto molto, e senza accendere un euro di mutuo e quindi senza gravare sui nostri cittadini. Basti pensare ai lavori di rifacimento di via Spalato, al campetto di calcetto al chiuso, alla rampa di Rottanova, al ponte di boscochiaro. Senza dimenticare la casa di riposo, per cui abbiamo un finanziamento di 4milioni di euro. E abbiamo ottenuto l’ospedale di comunità. Da qui vogliamo ripartire”.

Giorgia Gay

Lascia un commento