Cona, profughi ancora in rivolta

caserma cona profughiNon si sono esaurite le tensioni alla ex base militare di Cona. La situazione sembra aver colmato la misura e i profughi sono ancora una volta scesi in strada per protestare contro le condizioni del centro di accoglienza, dove ad oggi vivrebbero circa 700 persone.

La protesta si è verificata nella notte tra martedì e mercoledì, quando una quarantina di ospiti sono usciti dalla base e hanno occupato la strada con panche e cartelloni. Le forze dell’ordine si sono subito precipitate sul posto per cercare di riportare la situazione alla normalità. I residenti si sarebbero accorti di quanto stava accadendo intorno a questa mattina.

I motivi del contendere sono sempre gli stessi, il sovraffollamento e la precarietà delle condizioni di vita che vanno avanti da troppi mesi. La protesta è andata avanti fin oltre mezzogiorno, creando forti disagi alla viabilità, in quanto la strada è stata interdetta. 

Lascia un commento