Elezioni Chioggia, Campanaro e la sua città a misura di cittadino

campanaroSi entra nel vivo della campagna elettorale e i candidati di Chioggia cominciano a sfoderare i loro assi nella manica. Letizia Campanaro, 33enne, candidata della coalizione di sinistra che comprende Sinistra Italiana, Sel e Rifondazione comunista, ha ben chiare le priorità del capoluogo clodiense e, a poche settimane dalla chiamata alle urne, rende noto il suo programma.

Un programma che intende rispondere alle richieste raccolte durante la campagna elettorale, “per una città più vivibile, più bella, più verde, più giusta, che sappia affermare i diritti fondamentali civili e sociali delle persone, soprattutto quelle maggiormente in difficoltà”.

Una città, insomma, a misura di cittadino, di giovani e delle donne all’interno della comunità.

Partendo dalla valorizzazione del centro storico di Chioggia, uno dei punti fondamentali della campagna elettorale di Campanaro. Particolare attenzione verrà rivolta all’arredo urbano e al verde pubblico.

Stessa attenzione è rivolta alle frazioni che circondano Chioggia. Con loro Campanaro conta di instaurare un dialogo sia per venire incontro alle esigenze di tipo tecnico, sia per valorizzare le località attraverso la promozione di progetti che diano impulso a nuove iniziative culturali e aggregative.

Una buona fetta dell’impegno politico della candidata sarà rivolto anche allo sviluppo delle economie locali e alle politiche sociali e giovanili.

Verranno proposti progetti di rilancio del turismo e in particolare del turismo nautico, di cui andrà a beneficiare anche l’economia locale. Per quanto riguarda l’ambito socio-assistenziale, per Chioggia Campanaro immagina un piano di intervento realizzato mediante un’anagrafe aggiornata ed integrata dei fruitori dei servizi, attraverso la quale poter avere una mappatura costante e precisa dei bisogni sul territorio. E non è tutto.

“Vogliamo dare pieno supporto al mondo del volontariato – afferma Campanaro -, risorsa importantissima per il nostro territorio. Contestualmente, daremo appoggio e sostegno all’associazionismo femminile nel mondo del lavoro, ma anche nell’ambito della lotta contro le violenze. Abbiamo pensato anche a progetti di inclusione ed economia sociale, per riqualificare quelle zone urbane caratterizzate da un disagio abitativo”.

I giovani, ultimi ma non meno importanti: saranno loro il cavallo di battaglia della campagna elettorale. “I giovani saranno coinvolti attivamente nella gestione della città, specialmente nella creazione di progetti per favorire svago, divertimento e attività sportive, perché i nostri bambini possano crescere in una città che offra loro spazi adeguati allo svago ed allo sviluppo culturale”.

Come? Una mossa potrebbe essere la valorizzazione dell’Isola dell’Unione per i giovanissimi di Chioggia e Sottomarina e di una Cittadella dello Sport, nell’area a sud di Viale Mediterraneo.

Marta Tudisco

Lascia un commento