Elezioni, la Lista Blu con Amedeo Bernello vuole “guardare oltre Cavarzere”

Schermata 2016-05-24 alle 11.27.09Amedeo Bernello, consigliere di minoranza di area popolare a Cavarzere nonché consigliere nella Città metropolitana, è il candidato sindaco della Lista Blu, che evidenzia la volontà di “guardare oltre Cavarzere” facendo squadra con Chioggia per “avere più forza” a Venezia. Il candidato sindaco della Lista blu risiede nella frazione di San Pietro, è dipendente amministrativo di Veneto Strade e ha ricoperto vari ruoli nelle istituzioni cavarzerane. Dal 2002 al 2011 è stato nel Cda dell’Ipab “A. Danielato” prima vicepresidente e poi come presidente, dagli anni Novanta è nel Cda della Cooperativa agricola San Gaetano e dal 2006 è consigliere comunale, eletto nel centrodestra. La lista che lo sostiene ha al suo interno persone provenienti da diverse aree politiche, come lo stesso Bernello ha evidenziato alla presentazione ufficiale della sua candidatura a sindaco. All’interno della Lista blu si candidano anche Marzia Tasso ed Ezio Bettinelli provenienti da esperienze di governo cittadino col centrosinistra, Francesco Giuriato di area popolare, Alessandro De Grandis e Andrea Celeste Ferrari sostenuti da Giacomo Busatto di Fare, movimento fondato da Flavio Tosi. Gli altri componenti della lista sono Nicolò Bardelle, Mattia Bernello, Doriana Capuzzo, Anita Cecconello, Giulia Crepaldi, Michele Fontolan, Gianni Pasquali, Cristiana Patrian, Rodrigo Pereira da Rocha, Stefano Zanardo e Cristina Zangirolami.

“Grazie alle diverse sensibilità della Lista Blu – così Bernello – una particolare attenzione sarà riservata ai temi ambientali e degli animali. Saremo sensibili verso le esigenze dei giovani e delle nuove attività produttive, per le giovani coppie che si formeranno a Cavarzere o che sceglieranno la nostra città azzereremo le tasse comunali, lo stesso faremo per le nuove attività produttive che porteranno lavoro nel nostro territorio”.

Bernello annuncia un occhio di riguardo verso le associazioni e il volontariato, ma anche per le cooperative agricole del territorio, per favorire una politica comune.

“Saremo vicini – aggiunge – a tutte le associazioni di categoria, dalla Coldiretti all’Ascom, per citarne due, perché possono incidere nel mercato locale, e promuoveremo nuove sinergie tra la Cittadella sociosanitaria e la casa di riposo, indispensabili se vogliamo che nel lungo periodo vengano garantiti servizi a tutti”.

Nicla Sguotti

Lascia un commento