Il divorzio breve: cosa prevede

il-divorzio-breve-diventa-leggeIn data 15 maggio 2015 è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale  la legge n. 55 del 6 maggio 2015  sul divorzio breve entrata in vigore il 26 maggio 2015, la quale interviene sulla disciplina della separazione e del divorzio.

Il cosiddetto divorzio breve, è tale perché abbrevia il tempo tra la separazione del il divorzio, ma non è tale perché lascia inalterato l’iter processuale, infatti per essere “liberi di stato” si dovrà comunque affrontare il doppio passaggio di separazione e divorzio.

La nuova legge è composta di soli TRE articoli, ed ha  portano a DUE novità in materia.

PRIMA NOVITÀ: la modifica dell’art. 3 comma 1 lettera b n. 2 della legge 898/1970 (legge sul divorzio) ha ridotto il tempo che deve intercorrere tra la separazione ed il divorzio.

Nelle separazione giudiziali, separazioni definite con sentenza dal Tribunale, la durata del periodo di separazione si riduce da tre anni ad un anno. Mentre nelle separazioni consensuali, definite con omologa dal Tribunale, la durata del periodo tra separazione e divorzio è ridotta a sei mesi.   

SECONDA NOVITÀ: riguarda l’art 191 c.c. il quale prima della Legge 55/2015 prevedeva che la comunione tra i coniugi si scioglieva con il passaggio in giudicato (definitiva) della sentenza di separazione giudiziale, o con l’omologa del verbale di separazione consensuale.

L’art. 2 della Legge 55/2015 ha modificato per contro tale disposizione, prevedendo che lo scioglimento della comunione avvenga dal momento in cui i coniugi, comparsi avanti al Presidente del Tribunale sono autorizzati a vivere separatamente, in caso di separazione giudiziale, e dalla data di sottoscrizione del verbale di separazione dei coniugi davanti al Presidente del Tribunale  (purché poi il verbale venga omologato dal Tribunale in composizione collegiale), in caso di separazione consensuale.

Con questa modifica si pone, fin da subito, fine ai rapporti patrimoniali tra i coniugi che avevano scelto al momento del matrimonio la comunione dei beni.

Ogni acquisto effettuato dai coniugi (macchina, casa ecc……) dopo la comparizione degli stessi avanti al Presidente del Tribunale, che li autorizza a vivere separati, o con la sottoscrizione del verbale di separazione, sarà solo ed esclusivamente di proprietà del coniuge che effettua l’acquisto.

Con la Legge 55/2015 l’Italia si è avvicinata alle altre legislazioni europee, ma se è pur vero che si sono accorciati i termini per il divorzio, è altrettanto vero che la doppia procedura, prima separazione e poi il divorzio, devono essere azionati, a differenza di altri stati europei ove per il divorzio deve essere azionata una sola procedura.

Avvocato Marta Rossetti – Via Boschetto 5 – 30015 Chioggia (VE)
tel: 041 5542084 – fax: 041 492898  – email: avv.marta.rossetti@tiscali.it

Lascia un commento