Iuav dedica un giardino a Valeria Solesin

iuav valeria solesin giardinoUno spazio verde dedicato a Valeria Solesin, unica vittima italiana degli attentati di Parigi dello scorso 13 novembre. Lo avevano annunciato a dicembre e ieri è diventato realtà. La Scuola di Dottorato Iuav, durante una cerimonia avvenuta ieri pomeriggio, ha voluto ricordare la giovane ricercatrice veneziana dedicandole il giardino di Palazzo Badoer.

Alla cerimonia erano presenti Alberto Ferlenga, Rettore Università Iuav di Venezia, Monica Centanni, Centro Studi classicA, Marco Ballarin, Rappresentante dei dottorandi della Scuola di Dottorato Iuav ed Emma Filipponi, Dottoranda della Scuola dottorale interateneo Iuav, Ca’ Foscari e borsista di ricerca presso l’EHESS Paris.

Per l’occasione, è stato piantato un albero di melograno, in un luogo emblematico e simbolo del sacrificio e dell’impegno dei tanti ricercatori che, come Valeria, impiegano il loro tempo per studiare la cultura e la società in cui vivono.

Durante la cerimonia i dottorandi hanno inoltre letto, prima di compiere l’atto ufficiale di dedica, alcuni brani dei lavori di ricerca in cui Valeria era impegnata.

Quando il pensiero si fa testo aspira all’eternità:
trova nel linguaggio la sua forma di espressione,
nelle lettere quelle della trasmissione.
Il suono dà alla parola un nuova consistenza, finita e passeggera,
virtù di una materia inconsistente che muove l’aria intorno a noi,
fino a entrare nel corpo altro di chi ode,
e, nel vibrare taciuto, muove altro pensiero.

Ha apprezzato il ricordo la mamma di Valeria, Luciana Milani, che ha partecipato alla cerimonia e con l’occasione ha dato notizia della borsa di studio di recente bandita dal ministero del Lavoro e delle politiche sociali in onore di Valeria.

 

Lascia un commento