Maerne, picchia la madre e sfascia la macchina con l’ascia

DSC06736Si è avventato con violenza contro la madre, picchiandola, e poi, con una furia inaudita, ha cominciato a colpire l’auto di famiglia con l’ascia.

E’ successo ieri pomeriggio, a Maerne di Martellago. A segnalare l’accaduto ai carabinieri, la vicina di casa della famiglia Chiusso, che aveva udito le urla disperate della madre mentre veniva picchiata violentemente dal figlio Massimiliano, di 35 anni. Una volta sul posto, i carabinieri hanno trovato l’uomo che, ormai fuori controllo, stava sfasciando con una grossa ascia l’utilitaria di famiglia parcheggiata davanti l’abitazione.

L’uomo a quel punto ha iniziato a minacciare e provocare in maniera sempre più decisa anche i due Carabinieri, che solo dopo vari appelli alla calma e una breve colluttazione sono riusciti a ricondurre alla ragione l’esagitato, ammanettandolo.

I Carabinieri hanno quindi soccorso la madre dell’arrestato che al culmine di un litigio per futili motivi, aveva subito violente percosse dal figlio tossicodipendente che l’aveva poi inseguita sino all’abitazione della vicina dalla quale la poveretta si era rifugiata, sfasciando anche lì qualsiasi cosa gli venisse a tiro, iniziando dalle stoviglie casalinghe, per finire contro l’autovettura di famiglia, letteralmente sfasciata a colpi di accetta.

L’uomo è stato quindi bloccato e dichiarato in stato di arresto per resistenza a pubblico ufficiale e gli altri reati evidenziati, con successiva traduzione presso la camera di sicurezza, in attesa del giudizio per direttissima odierno.

La madre, soccorsa dal personale medico, ne avrà per 10 giorni a causa delle contusioni multiple patite.

Lascia un commento