Adria, ancora premi per il clarinetto di Raffaele Magosso

magossoUn altro successo per il clarinettista adriese Raffaele Magosso.
Il docente e musicista è stato premiato alla 1° edizione del concorso internazionale “Città murata” di Cittadella, in provincia di Padova. La competizione, coordinata dal pianista Fabio Sormani, prevedeva diverse categorie tra cui quella dedicata alla sezione dei fiati solisti in cui il trentaquattrenne Magosso si è aggiudicato il primo premio. “La giuria, che era composta da docenti di conservatorio, si è complimentata al momento della premiazione per il suono pulito e di ottima qualità, per il controllo tecnico, per la tenuta fisica e soprattutto per la totale aderenza dell’interpretazione al testo musicale – spiega Magosso – e i brani che ho eseguito erano tutti per clarinetto solo, tra cui Rapsodia di Miluccio e Sonatina di Rozsa, molto impegnativi sotto diversi punti di vista”.  Dopo la maturità linguistica conseguita presso il liceo “C. Bocchi” di Adria, Magosso si è diplomato in clarinetto sotto la guida di Claudio Conti al conservatorio statale “A. Buzzolla”. Dopo aver concluso il biennio accademico e aver ottenuto le abilitazioni all’insegnamento per la scuola secondaria, ha iniziato anche l’attività di docente parallelamente alla carriera artistica. “Ho partecipato a masterclasses e corsi di perfezionamento tenuti da interpreti di fama internazionale – racconta – quali Meloni della Filarmonica scaligera, Fantini, Picciati, Godek e Miani”. Il clarinettista adriese collabora con diverse orchestre tra cui la Filarmonia Veneta, i Virtuosi Italiani, l’orchestra Ritmico Sinfonica Italiana e la Civica Orchestra di Fiati di Padova. E’ inoltre clarinetto solista della Benacus Chamber Orchestra. È attualmente titolare della cattedra di clarinetto presso l’Istituto Comprensivo di Porto Tolle e docente di clarinetto e musica d’insieme per fiati presso il Liceo musicale “C. Marchesi” di Padova. Attivo anche come compositore e arrangiatore, pubblica per le Edizioni Eufonia e Img.
Massimiliano Beltrame

Lascia un commento