Boxe Piovese, le grandi imprese del giovanissimo Naichel Millas

boxe pioveseDue titoli tricolori (2015 e 2016) poi convocato in nazionale e lui, Naichel Millas (15 anni fatti lo scorso 2 maggio), cosa fa? Vince i suoi due match a Catania nel dual match con i pari peso ed età della forte Bielorussia organizzato dalla Federazione pugilistica italiana. Il nostro ha battuto nettamente, ai punti, avversari che avevano il doppio di match (50/60 incontri contro i 25 di Naichel). Il primo ad essere battuto è stato Aliaksanndr Starttsau l’altro Filipovich.

“Sicuramente verrà convocato ancora per una trasferta in Francia – afferma il maestro Gino Freo – e poi, se tutto va bene, la nazionale Italiana lo porterà ai Campionati europei Juniores che si disputeranno in Ungheria nel mese di luglio. Sarebbe la prima volta che un pugile così giovane della Boxe Piovese, veste la maglia azzurra della nazionale per un Campionato cosi importante. In passato abbiamo avuto più pugili che hanno vestito la maglia azzurra: Cristian Sanavia, medaglia di bronzo ai giochi del Mediterraneo e oro al torneo Italia, sempre con la maglia azzurra; Paolo Vidoz, vincitore di molti tornei internazionali e medaglia di Bronzo alle Olimpiadi di Sydnei 2000; Devis Boschiero, Alessandro Giraldo, Mirco Bortolotto, Stefano Gatto, tutti però dai 18 anni in su. Mai nessuno a 15 anni ha ottenuto simili risultati. Siamo orgogliosi di questo primato perché vuol dire che la nostra “scuola” dà ai giovani la giusta impostazione e non è facile tirare fuori il meglio da ragazzi così giovani. Ma occorre ricordare che la nostra attenzione è sempre rivolta a dare una “educazione”, un rispetto delle regole, un comportamento da “campioni leali dello sport”.

A volte ci riusciamo, altre un poco meno, ma sicuramente qualcosa di positivo riusciamo a far capire loro e, cioè, che senza sacrificio, rinunce, impegno, non avranno mai risultati soddisfacenti”. Buoni risultati con accompagnamento della sfortuna per il fratello di Naichel, Joscioal, Youth peso medio, che al torneo Italia a Mondovì dal 20 al 22 maggio scorso, ha vinto la semifinale contro il lombardo Zaiat Ruben. In finale doveva incontrare un pugile meno forte del lombardo, ma non ha potuto farlo a causa di una banale distorsione alla caviglia destra che non gli ha permesso di salire sul ring per affrontare la finale, comunque la sua è una meritata medaglia d’argento.

Gianni Patella

Lascia un commento