Camponogara, chiude la “Stansetta”: è protesta

edificio stansetta camponogaraL’associazione culturale “la Stansetta” di Camponogara si è sciolta, i suoi musicisti, dal 2013, non avevano più una sede dove suonare. L’associazione si occupava di attività riguardanti il mondo della musica, cultura, cinema, fotografia e, dal 1991 fino al 2013 ha gestito una sala prove in piazzetta “Bambini di Sarajevo” 2 a Camponogara. Quest’associazione necessità di spazi adeguati e i suoi musicisti hanno bisogno di una sede per suonare con isolamento acustico. Il Comune aveva iniziato a realizzare una nuova struttura da affidare ai ragazzi dell’associazione, ma i lavori sono stati bloccati. I problemi nascono dopo il terremoto del 2012, quando l’amministrazione si vede costretta a chiudere la scuola elementare di Prozzolo e trovare nell’immediato una nuova sede per gli alunni. Una parte dei ragazzi fu mandata nella struttura prefabbricata, presso le scuole medie, un’altra nella scuola parrocchia e nella elementare di Camponogara.

“Avevamo incontrato i ragazzi dell’associazione e avevamo proposto una nuova sede a Prozzolo, dietro il palazzetto dello sport – dice il sindaco Gianpietro Menin. Avevamo approvato un progetto e fatto la gara d’appalto, per realizzare la nuova struttura. La base è già stata realizzata ma poi, le determinazioni da parte del governo, hanno ristretto ancora di più le possibilità dei comuni, e siamo stati costretti a fermare i lavori”. Nel 2011 Camponogara investì quasi 600 mila euro per ristrutturare la scuola di Prozzolo e per altri lavori di messa in sicurezza di alcune scuole, non potendo fare ulteriori investimenti. Il sindaco assicura che nel prossimo consiglio comunale sarà fatto un provvedimento per liberare delle risorse economiche da investire. Il patto stabilità e le leggi finanziarie sono un problema per le amministrazioni che spesso non possono investire risorse. “Io credo che entro fine anno riusciremo a realizzare la struttura attesa – conclude il sindaco Menin”.

Roberta Pasqualetto

Lascia un commento