Limena, ecco le prime proposte del consiglio dei ragazzi

municipio limenaNon è stato certo con le mani in mano il Consiglio comunale dei Ragazzi, che eletto nel febbraio scorso, ha già elaborato due progetti, di cui uno già realizzato, che sono stati presentati lo scorso sabato 28 maggio alla Giunta comunale. Un’occasione per illustrare quanto fatto e quanto intendono fare, ma anche per chiedere la collaborazione dei loro colleghi più “anziani” nella realizzazione delle loro proposte.

“Siamo rimasti colpiti dalla capacità di elaborare e realizzare in modo concreto idee che hanno il potenziale per migliorare veramente la qualità della vita a Limena – ha commentato il Sindaco Giuseppe Costa – C’è molto da imparare dal loro impegno e dal loro entusiasmo e intendiamo attivarci per dare una risposta alle loro richieste, che riteniamo assolutamente legittime. Ci auguriamo di averli sempre al nostro fianco, come stimolo e pungolo per fare sempre meglio il nostro lavoro”.

Il primo progetto proposto e attuato dal CCR è i Percorsi casa-scuola, tragitti a piedi per raggiungere in sicurezza e a piedi gli istituti scolastici. I ragazzi hanno ideato cinque percorsi e pubblicizzato nelle classi il progetto, anche con una cartina topografica esposta nel salone della Media. Molte le adesioni e alto il gradimento, emerso da un questionario elaborato sempre dai ragazzi che ha evidenziato come i percorsi fossero ben fatti e in sicurezza e come abbiano portato a un risparmio di tempo.

“Ci siamo resi conto, però, che servirebbe l’intervento del Comune per creare nuovi attraversamenti pedonali – hanno spiegato al Sindaco – per rendere sicuri altri tragitti, che risulterebbero anche più veloci, ed una pista ciclabile in via Ca’ Rossa. Inoltre, per rendere più sicuri alcuni attraversamenti pedonali servirebbe l’installazione di telecamere”.

Archiviato questo progetto, l’Amministrazione se ne è vista proporre un altro: la rivalutazione naturalistica dell’area del Tavello. Un progetto molto articolato che si propone di coinvolgere, oltre al Comune, le Scuole e le Associazioni locali.

“L’idea – spiegano i ragazzi – è quella di allestire un museo a cielo aperto per mostrare ai turisti la bellezza della nostra area verde. Stiamo creando un depliant con la mappa e alcune informazioni su flora e fauna che potrebbe essere distribuito nel territorio comunale. Andrebbero installati cartelli con indicazioni topografiche e naturalistiche, con informazioni storiche che potrebbero essere curate dagli alunni delle scuole. Le associazioni potrebbero animare il fiume: il Canoa Limena con uscite didattiche, il circolo parrocchiale di Limena con giornate educative per bambini e il Maneggio per passeggiate a cavallo”.

Per quanto riguarda il recupero dell’area, i ragazzi propongono la realizzazione di un’area pic-nic, con panche, sedie e barbeque, dove organizzare eventi, cineforum e altro. L’uso potrebbe essere regolato con un servizio di prenotazioni e a fronte di una quota affitto, da reinvestire per il rientro delle spese sostenute e per la manutenzione del luogo. Il Comune dovrebbe, inoltre installare lungo l’argine cestini, cartelli con le regole, fontanelle e un chiosco, gestito a rotazione dalle associazioni, che potrebbero così rendere più appetibile il luogo e ricavare anche degli utili da destinare alle loro attività. I ragazzi più grandi potrebbero essere coinvolti nella realizzazione di una grande murales di benvenuto, e altre associazioni per il controllo della sicurezza. Infine, propongono un depliant informativo realizzato dalla scuole che spieghi gli effetti dannosi degli scarichi agricoli e industriali nel fiume su flora e fauna, da distribuire nel territorio. Un modo per creare un senso critico nelle nuove generazioni.

Non sono solo parole. I ragazzi hanno già preso contatti con diverse associazioni e cominciato ad elaborare il materiale promozionale.

 

Ora il Comune preso visione del progetto, sta verificando come darvi risposta e contatterà presto il proprietario di una parte dell’area naturalistica, chiedendo la sua collaborazione.

 

Lascia un commento