Turismo, “Chioggia: storia, mare e laguna”, la Ogd della città

Finalmente Chioggia ha la sua OGD. “Chioggia: storia, mare e laguna”, questo il nome della nuova Organizzazione di Gestione della Destinazione Turistica (OGD) formalizzata nei giorni scorsi dalla Giunta del capoluogo clodiense, dopo oltre un anno e mezzo di attese e contrattempi nati tra le varie associazioni di categoria. Un organismo che, secondo la legge regionale n. 11 del 14 giugno 2013, adesso rappresenta di fatto l’unica cabina di regia per la gestione diretta dell’offerta turistica in una formula nuova che coniuga il pubblico al privato. Al momento sono nove, oltre al Comune, gli enti e le associazioni che hanno aderito al nuovo ente: AS.C.O.T,  ASA Associazione Albergatori, Associazione “Made in Chioggia”, Associazione Affittacamere “Mare Blu Island Green”, Confesercenti Chioggia, Consorzio “Lidi di Chioggia”, Egolabor scs, Proloco “Chioggia Sottomarina” e O.T.I.V. Isola Verde.
Il nuovo ente avrà nel dettaglio il compito di gestire l’informazione, l’accoglienza diretta ai turisti, oltre a doversi occuparsi naturalmente della promozione, della pianificazione e della gestione delle iniziative e dei servizi turistici sul territorio.
Il prossimo passo, dopo l’accreditamento da parte della Regione Veneto avvenuto lo scorso 31 maggio, sarà la regolamentazione del braccio operativo della struttura per poi dare all’Ogd piena autonomia. Degli ex uffici IAT, verrà mantenuta solo la sede situata presso il Lungomare Adriatico a Sottomarina, una posizione considerata turisticamente più strategica rispetto al centro storico, dove sorgeva un secondo ufficio, che adesso verrà smantellato.
Nel nuovo ufficio si parleranno quattro lingue, inglese, tedesco, francese e spagnolo e il personale si occuperà di fornire informazioni relative alla destinazione e di distribuire gratuitamente materiale turistico informativo sia sulle offerte presenti a Chioggia e sul resto del territorio regionale.
La gestione della sede di Sottomarina, di proprietà demaniale e in concessione al Comune, è stata affidata al consorzio Lidi di Chioggia a tempo determinato fino il 31 dicembre 2016 e sarà aperta al pubblico tutti i giorni dalle 9 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 19.00.
Con oltre 1,2 milioni di pernottamenti a livello comunale, la vicinanza a Venezia, il riconoscimento della Laguna a patrimonio dell’Unesco, grazie a un patrimonio eno-gastronomico, artigianale e balneare di un certo livello, Chioggia può finalmente dirsi pronta a salpare verso nuove sfide.
Marta Tudisco

Lascia un commento