Caserma dei vigili del fuoco, nessuna ipotesi di chiusura

foto incontro casermaLa caserma dei vigili del fuoco di Cavarzere che, nella ridefinizione dei distaccamenti rischiava seriamente la chiusura, rimarrà in attività, almeno per i prossimi due anni. La rassicurazione è arrivata nel corso di un recente incontro a Roma con il sottosegretario Gianpiero Bocci, “che ci ha garantito la continuità del distaccamento permanente della caserma”, come riassume il sindaco Henri Tommasi.

All’incontro romano hanno preso parte anche la Cisl Vigili del fuoco nazionale e interregionale e l’onorevole del Pd Diego Crivellari. “Contro l’ipotesi di chiusura del distaccamento di Cavarzere l’amministrazione comunale si è battuta insieme alla Federazione nazionale sicurezza, il sindacato più rappresentativo dei vigili del fuoco aderente alla Cisl per più di un anno” ricorda Tommasi. Anche la sezione locale del Partito Democratico si è unita, attraverso un comunicato del segretario Paolo Vallese, alla gioia per la permanenza a Cavarzere di un servizio tanto importante. Il problema per la caserma cavarzerana risale alla scorsa estate, quando ne venne confermato il mantenimento, senza però risolvere il problema legato alla carenza di organico.

“La diminuzione di personale rappresentava un continuo disservizio e spesso significava non riuscire a essere operativi in caso di necessità. Questo aveva determinato una grave incertezza sull’efficienza del servizio e l’incubo che ci fosse l’intenzione di chiudere caserma. Così fortunatamente non è, poichè il sottosegretario Bocci ci ha confermato formalmente l’intenzione di mantenere operativa la nostra sede”. Scongiurata la chiusura, ora l’obiettivo è di risolvere il problema dell’assenza di personale. “Da Roma l’assicurazione è stata che sarebbero stati fatti dei passaggi formali con il comando provinciale di Venezia per risolvere il problema – fa sapere Tommasi -. Quindi nei prossimi mesi attendiamo ulteriori importanti sviluppi”.
Giorgia Gay

Lascia un commento