Taglio di Po, presto il via ai lavori nell’Ostello Rifugio Natura

OstelloPartiranno a breve i lavori di ristrutturazione dell’Ostello Rifugio Natura di Gorino Sullam, e per Natale saranno funzionanti anche l’area ristorazione e la sala polifunzionale, facenti parte della vecchia sezione del complesso. A dirlo è Antonio Sambo, presidente della cooperativa sociale AttivaMente, vincitrice nel 2013 del bando per l’assegnazione della struttura di proprietà comunale della frazione tagliolese, e impegnata in progetti sociali, presidente Sambo ne ripercorrere la storia dalla nascita nel 2007 con un nucleo di quattro famiglie, e ne riconosce il lavoro portato avanti negli anni.

“Coniugheremo l’inserimento lavorativo di persone con fragilità al settore turistico, per creare un nucleo protetto all’interno delle specificità con le quali lavoriamo: d’altronde i numeri delle presenze parlano chiaro, essendo sempre in aumento negli anni, e per tre settimane in educativi e relazionali per famiglie e gruppi, che vogliano fruire delle bellezze del territorio. A portare i saluti dell’amministrazione all’assemblea di primavera del sodalizio del 18 giugno, il vicesindaco di Taglio di Po Alberto Fioravanti che si è complimentato per l’andamento dei lavori. “Bisogna ricordare che questo è il primo ostello costruito ed adibito a questa funzione nel Delta del Po e sono felice che AttivaMente si sia fatta partner per il rinnovo e per mantenere questa singolarità, dopo il rischio di chiusura o di vendita degli immobili – le parole di Fioravanti -. L’obiettivo del lavoro è proprio quello di continuare a portare qui la gente che vuole conoscere il nostro territorio e assaporare i nostri prodotti tipici; la mia speranza è che questa cooperativa così completa si interfacci con la popolazione e promuova il nome di questa terra tra i visitatori, con escursioni sul Delta in barca o in bici”.

All’assemblea, alla presenza delle persone con disabilità con le quali la cooperativa lavora, il agosto ospiteremo tre gruppi di persone disagiate dalla Francia. Nei nostri programmi futuri, sempre a Taglio di Po, abbiamo in progetto l’acquisizione di terreni ed edifici per farne un centro di residenzialità protetta”

Fabio Pregnolato

Lascia un commento