Allegra, una giovane vita spezzata

1849438_allegra-moretto-boscolo1Una vita spezzata ad appena 18 anni, quando a quell’età la vita non dovrebbe che sorriderti e non terminare sul freddo nero dell’asfalto, dopo una serata con gli amici. È qui che Allegra Boscolo Moretto, ha detto addio alla vita, in una calda notte di luglio.

Era in scooter con un’amica, sul lungomare di Sottomarina, su quella Vespa che i genitori le avevano regalato per la maturità e che avrebbe dovuto portarla lontano, libera, verso nuove avventure. Quando a un certo punto, lo schianto, forse dovuto a una manovra fatale, seguito da una rovinosa caduta sul manto stradale. Per Allegra non c’è stato nulla da fare, mentre l’amica è viva, anche se ha riportato delle ferite gravi. La notizia si è sparsa subito a distanza di qualche ora dall’incidente, gettando nello sconforto tutta la località.

Allegra era figlia di un noto imprenditore, Gianni Boscolo Moretto, molto conosciuto in città per la sua attività in campo balneare, immobiliare e nautico, per il suo impegno nella giunta di Ascom, nel direttivo di Gruppo Turismo e nella presidenza di Chioggia Yatch Group. La giovane era conosciuta e molto ben voluta in paese, molti dicono che il suo nome rispecchiasse la sua indole, allegra, vivace, piena di vita. Aveva appena concluso le scuole superiori e stava aspettando di conoscere l’esito degli esami di maturità, mentre si preparava a costruire il suo futuro. Al rito funebre, presso il santuario della Madonna della Navicella, celebrato dal vescovo Tessarollo, hanno partecipato più di duemila persone. In tanti hanno voluto dare l’ultimo saluto ad Allegra, e stringersi nel cordoglio con la famiglia Moretto.

 

Marta Tudisco

Lascia un commento