Home Padovano Conselvano Centro a rischio degrado, ad Agna spuntano cartelli e divieti

Centro a rischio degrado, ad Agna spuntano cartelli e divieti

2016-07-14 13.50.15Misure drastiche quelle adottate dal sindaco di Agna, Gianluca Piva, che di fronte alla mancanza di civiltà ha deciso di installare dei cartelli davvero insoliti indicanti il divieto di fare pipì. Sì, perché da qualche settimana in centro paese, alcuni migranti stanno scegliendo come luoghi per i loro bisogni le fontane o le zone all’ombra dove ci sono le panchine. La gente è esasperata da questi atti così selvaggi che sembrano verificarsi anche in pieno giorno, visto che a decine si riversano in paese provenendo dall’ex base di Cona e da quella di San Siro di Bagnoli, en- trambe a soli tre km di distanza da Agna.

Il sindaco di centro-destra Piva, si è preso l’impegno di porre in atto ogni azione presso i vari Enti per esprimere contrarietà e dissenso alla presenza di questi centri.

Spiega: “Purtroppo i numeri sono incerti e le diverse fonti sparano cifre diverse di migranti presenti a San Siro e Conetta. In ogni caso superiamo le mille persone. Inammissibile. Tutto questo non lo possiamo accettare, la nostra gente non ce la fa più e io manifesto tutto il nostro malumore per come vengono gestite le cose da questo Governo. Ci metto la faccia e tutto me stesso in difesa della Bassa e non ho certo paura di additare il Governo quale responsabile di questa mala gestione. E’ da un anno che siamo sotto pressione e invece di diminuire, i numeri continuano a salire. Basta, bisogna che lo Stato si renda conto del modo con cui si sta demolendo il nostro tessuto economico Il sindaco Gianluca Piva fa installare la segnaletica anti imbrattamento e denuncia la condotta del Governo che penalizza la gente e sociale. La situazione ad Agna, Bagnoli e Cona sta per scoppiare. Noi non siamo la periferia o la di- scarica dei problemi del Veneto e lancio una richiesta di sostegno al Presidente della nostra Regione. Visto che questo Governo ci sta devastando, la Regione inter- venga a difesa di questo territorio e ci faccia da scudo”.

 

Cristina Lazzaroni

Seguici anche su

6,291FansLike
276FollowersFollow
3SubscribersSubscribe