Porto Viro, Giacon sfiduciato: arriva il commissario e poi le elezioni

thomas giaconL’esperienza amministrativa targata Thomas Giacon, in carica dal 2014, è giunta al termine. A seguito delle dimissioni dell’assessore Marialaura Tessarin e degli screzi con il neoeletto segretario Pd locale Luca Boscarato, la cui nomina era stata osteggiata da Giacon, le voci avevano continuato a inseguirsi finché il 13 settembre è trapelata la notizia – poi confermata – che le firme di 9 consiglieri comunali erano state deposte di fronte a un notaio di Rovigo, e la sfiducia al sindaco della cittadina deltina è diventata cosa certa.

Ripercorriamo le tappe della crisi che ha portato alla fine dell’era Giacon: qualche mese fa il ritiro dalla maggioranza del gruppo consigliare “Decidiamo Insieme” composto dall’allora vicesindaco Roberto Tortello, e dai consiglieri Finessi e Franzoso, dopo che Giacon aveva tolto la delega di vicesindaco a Tortello che, a seguito di vari ricorsi, non era riuscito a spuntarla di fronte al Tar. Quindi la posizione di Thomas Giacon sembrava essersi stabilizzata, seppure indebolita nel conteggio dei numeri.

Ma a settembre un nuovo scivolone ha gettato il Comune nel caos, e cioè il patrocinio concesso dal primo cittadino a un evento benefico promosso da un’associazione vicina a Forza Nuova, cosa non gradita dai vertici del Pd, il cui segretario provinciale Julik Zanellato così commenta la caduta della giunta: “Era nell’aria da tempo, anche a causa dei vari fronti legali aperti dal sindaco Giacon e dalla sua autoreferenzialità e incomunicabilità col partito. La situazione è poi precipitata con il patrocinio a Forza Nuova e a seguire la crisi della giunta. Nonostante i tentativi di ricucire, Giacon non ha messo in campo un’azione di recupero dei rapporti e anzi l’accordo con Porto Viro Pulita di cui il partito era all’oscuro ha rischiato di trascinare il PD in una melina che aveva da tempo stancato l’opinione pubblica. Da qui la decisione da parte del segretario dem del circolo portovirese Luca Boscarato e di Marialaura Tessarin di staccare la spina, dopo essersi consultati con la segreteria provinciale e averne ottenuto il via libera a grandissima maggioranza, con l’obiettivo di portare il partito a essere perno di una nuova coalizione aperta alle forze progressiste che vorranno lavorare per Porto Viro”.

Per Thomas Giacon quindi, rimane la reggenza ad interim del Comune fino alla nomina di un commissario da parte del prefetto, che reggerà a sua volta il Comune fino alle prossime consultazioni elettorali, presumibilmente nella prossima primavera.

Fabio Pregnolato

Lascia un commento