Home Padovano Padova Est Autunno a Noventa Padovana fra tradizioni e sapori

Autunno a Noventa Padovana fra tradizioni e sapori

noventa fiera15Anche quest’anno con la stagione delle castagne è giunto l’appuntamento con la storica Sagra del folpo e con l’esplosione di luci, profumi e sapori che la contraddistingue. In molti hanno lavorato e si stanno adoperando affinché l’organizzazione funzioni al meglio: il Comune in primis e poi pro loco, parrocchie, volontari e cittadini. L’appuntamento, che comincia venerdì 21 ottobre e dura fino a martedì 25, con spettacolo finale di fuochi d’artificio, si tiene lungo tutta via Roma, fin sopra il ponte sul Piovego, comprendendo slarghi laterali e piazze. Oltre al parco divertimenti si possono trovare la pesca di beneficenza e lo stand di prodotti artigianali, quest’anno raddoppiato rispetto all’anno scorso, realizzato in collaborazione con Confesercenti, Coldiretti e Distretto del Commercio Stile e Qualità.

Confermati anche il Villaggio trentino, il Viale dei desideri e quello delle delizie. Tra le novità di quest’anno un mercato per la vendita a km 0 del prodotto ittico veneto e un servizio navetta che arriverà fino a Strà e alla zona industriale di Noventa per permettere di lasciare l’auto in spazi più grandi e venire accompagnati direttamente alla fiera. L’amministrazione ha previsto anche una raccolta fondi pro-terremotati all’interno degli stand gastronomici. Una delle caratteristiche principali di questa festa d’autunno, insieme alle grandi dimensioni e alle energie coinvolte, è proprio la cucina. Oltre al polpo caldo, nelle caratteristiche bettole e bettolini si può gustare ogni bontà, sia da seduti che passeggiando. Presenti anche le due parrocchie S. Pietro e Paolo e S. Antonio con le bettole ‘Ranch’ e ‘al Goto’.

Un bel quadro conservato nella biblioteca locale raffigura la festa negli anni ’60 con lo stesso fermento di oggi; la fiera d’autunno però è di tradizione molto più antica, seicentesca o anche precedente, al tempo si svolgeva la seconda settimana d’ottobre in occasione della Madonna del Rosario. Tanto è l’affetto per questa sagra tradizionale che le sono stati persino dedicati dei versi poetici, questi quelli di Bepi Missaglia “…Dopo i torna tuti a casa/Imbriaghi ben pasui/Co’ la pansa sgionfa rasa,/ duri strachi co’ fa mui./Ma contenti par dei mesi/Torno al fogo de polenta,/i pensava ai soldi spesi/a la sagra de… Noventa”.

 

Eliana Camporese

Le più lette