I disordini dell’articolazione temporo-mandibolare (ATM)

IMG_9336I disordini dell’articolazione temporo-mandibolare (ATM) comprendono una serie di affezioni dell’apparato masticatorio con squilibrio neuromuscolare dei muscoli di testa, collo e rachide cervicale. La risultante di questi fattori e’ responsabile di dolori articolari, cefalee e alterazione dell’assetto corporeo. Spesso la prima causa dipende dal cattivo allineamento dei denti che forzano i condili articolari in posizioni anomale all’interno della cavita’ articolare (FOSSA GLENOIDEA). Si contano anche abitudini viziate come il digrignamento e il serramento notturno come responsabili dell’aggravamento dello stress articolare. Prima che la sintomatologia si renda evidente deve essere superata una certa soglia individuale di tolleranza infatti ad una fase iniziale di adattamento neuromuscolare segue la comparsa di dolore cranio-facciale a partenza dalla regione articolare che si irradia poi alla zona mandibolare,frontale,cervicale e brachiale. Vertigini,acufeni e senso di “orecchio pieno”sono cio’ che i pazienti riferiscono. La diagnosi si fa attraverso un’attenta VALUTAZIONE CLINICA che prende in esame i movimenti di aperture e chiusura della bocca, l’osservazione di deviazioni laterali lungo il percorso mandibolare e la presenza di “rumori”articolari come un click che denotano una incoordinazione dei menischi. Esistono poi indagini strumentali quali l’ELETTROMIOGRAFIA dei muscoli masticatori. La terapia almeno nelle fasi iniziali si avvale dell’ausilio di speciali placche in resina (byte) costruite su modelli individuali del paziente e opportunamente regolate, questo permette di ottenere un certo rilassamento muscolare con riduzione dei fenomeni dolorosi di tutti i distretti interessati.

Ambulatorio dentistico Zr Dental del dott. Alberto Ziliotto- Sito: www.odontoiatraziliotto.it

 

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento