Home Rodigino Adria Adria si trasforma in set

Adria si trasforma in set

beateIl Polesine diventa territorio sempre più ambito nel settore delle produzioni cinematografiche. A ottobre l’ultimo a scegliere il nostro territorio come location per il suo nuovo film è il regista italo-iraniano Samad Zarmandili, già autore della fiction “Squadra antimafia”, che da settembre a ottobre ha condotto le riprese di “Beate”, che uscirà nel 2017 e sarà probabilmente presentato alla Mostra del Cinema di Venezia. Le riprese, iniziate ad Adria, sono proseguite nel Delta del Po e quindi a Rovigo, Fratta e Badia Polesine, in particolare nell’abbazia della Vangadizza. Beate è una commedia sociale ambientata nell’Italia dei giorni nostri, prodotto da Eskimo di Dario Formisano su sceneggiature di Salvatore Maira. Armida, un’operaia quarantenne con una malformazione al piede, lavora in una fabbrica di biancheria intima dove le operaie vengono messe in cassa integrazione ed iniziano una collaborazione con le suore devote alla Beata Armida. Nel cast figurano Donatella Finocchiaro, e Lucia Sardo. Si tratta di un progetto cinematografico riconosciuto “di interesse culturale” dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – Direzione Generale Cinema, che ha anche assegnato al film un contributo economico riconoscendone “L’eleggibilità culturale”. “Il film – spiega la produzione – è una commedia ambientata ai nostri giorni. Siamo stati molto felici di avere lavorato in Polesine, nel Delta del Po e in altre location dai paesaggi molto suggestivi e dalle enormi bellezze storico-culturali”. “Inizialmente dovevano essere eseguite solo riprese in esterno, e quindi in provincia di Rovigo soltanto il 15% di riprese; invece, dopo il sopralluogo, la produzione ha deciso di girare qui tutto il film” ha dichiarato soddisfatto Angelo Zanellato, presidente di Consvipo che ha seguito il progetto cinematografico. Si tratta di un importante progetto che vede coinvolto il nostro territorio, offrendo una preziosa occasione di promozione turistica e culturale. Tra le location anche il Museo dei grandi fiumi di Rovigo rimasto chiuso per l’intera giornata del 4 ottobre. Nel comunicato stampa del Comune di Rovigo si leggeva: “Ci si scusa con i visitatori per l’inconveniente, ma si tratta di una bella occasione per far conoscere la nostra città e il nostro museo che a quanto pare sono piaciuti alla produzione, visto l’ampio utilizzo come set di tutti gli spazi museali”. Come detto, il film sarà distribuito nelle sale cinematografiche nazionali nel primo quadrimestre 2017. Un primo trailer, sarà proiettato nell’ambito dell’European Film Market della Mostra del cinema di Berlino.

Melania Ruggini

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette