Blue e green economy, il futuro di Italia e Croazia

1478529545105_IMG_3185_ridotta“Ben 25 province italiane, 8 contee croate sono chiamate a dar vita a una cooperazione nel programma Italia-Croazia finanziato per 238 milioni di euro e che si inserisce nel più vasto scenario della strategia della macro-regione adriatico ionica, una delle quattro strategie su cui punta l’Europa, Baltica, Danubiana, Alpina e appunto Adriatico-Ionica, l’unica che investe il Mediterraneo e che unisce il Mediterraneo al cuore del continente europeo”.

Il presidente del Consiglio regionale del Veneto, Roberto Ciambetti, ha  presentato il programma transfrontaliero Italia-Croazia. “Le sfide marittime e la blue economy che affrontiamo nella regione adriatica – ha proseguito Ciambetti – non sono specifiche a un singolo paese: sfruttamento eccessivo della pesca, inquinamento, mutamenti climatici, sicurezza, congestione del traffico, collegamenti di trasporto e turismo stagionale: dal momento che esiste un potenziale di crescita in molti di questi settori, il piano d’azione del programma Italia-Croazia può diventare la cornice ideale per affrontare in maniera organica questioni strategiche per i nostri due Paesi proiettandoli al centro della strategia europea della macroregione Adriatico-Ionica. Proprio a inizio novembre la città di Dubrovnick ha salutato per la prima volta il suo primo milionesimo visitatore in un anno e per capire questo dato basti pensare che i turisti in questa città sono raddoppiati dal 2008.

[…]

QUESTA E’ UN’ANTICIPAZIONE. LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO SUL PROSSIMO NUMERO DE “LA PIAZZA”!

 

Lascia un commento