Cavarzere, conti sotto controllo: parola dell’assessore Orlandin

municipio cavarzere 2Andrea Orlandin, 41enne dipendente dell’Ulss 19, è uno dei volti nuovi entrati in giunta comunale con l’elezione di giugno. A lui il sindaco ha affidato referati centrali come Bilancio, Finanze, Politiche delle Entrate, Società partecipate, Servizi Pubblici di rilevanza economica. Assessore, questa è la sua prima esperienza politica e amministrativa.

Come sono stati questi primi mesi?
“Si è vero è il mio primo incarico, tuttavia per mia fortuna provengo da un’altra pubblica amministrazione, dove svolgo da anni il ruolo di coordinatore del servizio economico finanziario. I diversi corsi di specializzazione che ho frequentato e i corsi come docente che ho svolto nel mio ente di appartenenza, mi hanno permesso di accumulare competenze professionali e gestionali. Questo mio bagaglio mi ha aiutato molto nell’inserimento in una realtà come quella dell’ente locale, i cui profili di complessità sono elevati anche in considerazione della dinamica della normativa e delle risorse”.

Una delega importante al Bilancio la sua: come ha trovato la situazione dei conti?
“Appena ci siamo insediati abbiamo portato in consiglio comunale un passaggio fondamentale nel “percorso” di bilancio, cioè la verifica degli equilibri. Più in generale sono entrato in corsa in un bilancio su cui di fatto non ho contribuito in prima persona a orientare le scelte, pertanto posso solo dire che la situazione dei conti è sotto controllo e che ho trovato molta attenzione nella distribuzione delle risorse tra i vari uffici, sebbene non vi siano margini particolari per concedersi attività straordinarie”.

Come gestire la cronica scarsità di risorse?
“Il patto di stabilità per gli enti locali è stato di fatto superato con la normativa sul pareggio di bilancio (normativa peraltro in continua evoluzione); sebbene il contesto dei vincoli sia formalmente cambiato, il quadro in cui muoversi è sempre complesso sia dal punto di vista del reperimento delle risorse, sia, specie per il conto capitale, della possibilità di utilizzare tali risorse avendo riguardo agli effetti finali sull’equilibrio dell’ente. Per quanto riguarda gli investimenti, alcune risposte potrebbero arrivare da finanziamenti ad hoc (in questo senso stanno per partire i lavori della pista ciclabile Regina Margherita, finanziati; i lavori della Dante Alighieri, finanziati in quota parte; mentre è stato richiesto un finanziamento europeo per lo sviluppo del sito delle Marice). Per quanto riguarda la parte corrente la risposta può arrivare da una più efficiente ed efficace gestione della spesa”.

Giorgia Gay

Lascia un commento