Legnaro, profughi coinvolti in attività di volontariato

profughi lavoro volontarioÈ questo, in estrema sintesi, il contenuto del protocollo d’intesa approvato dalla giunta comunale su proposta della Prefettura di Padova. L’intesa darà ai richiedenti asilo, ospiti a Legnaro dal 2014, la possibilità di svolgere attività di volontariato. Sono una decina i migranti inseriti nel programma di accoglienza e ospiti a Volparo nella Casa del Buon Samaritano, struttura privata gestita da “Gruppo R”, cooperativa del “Gruppo Polis”.

Con questo accordo si potrà instaurare un percorso virtuoso di collaborazione che dia una mano ai richiedenti asilo all’integrazione e allo stesso tempo renda un servizio utile alla comunità. Le attività – libere, volontarie e gratuite – potranno essere svolte singolarmente o in gruppo e sempre sotto la supervisione di un educatore. Le attività cui potrà essere impegnato il richiedente asilo dovranno principalmente inserirsi nel contesto degli interventi di carattere civile e dei servizi alla collettività che non richiedono specializzazione e comunque secondo le capacità, attitudini, professionalità e intenzioni dell’interessato. Le mansioni individuate nel protocollo vanno dallo svuotamento dei cestini lungo le strade alla manutenzione delle piste ciclabili, dei marciapiedi e delle aree verdi fino alla tinteggiatura degli immobili comunali. A tutti i migranti verrà garantita la formazione necessaria, gli strumenti e le attrezzature perché possano svolgere in sicurezza le attività previste dal programma. Il protocollo avrà validità semestrale con possibilità di rinnovo per un periodo di pari durata.

Martina Maniero

Lascia un commento