Lusia (RO), denunciata un’azienda per sfruttamento della manodopera

carabinieri furtoScoperto un giro di sfruttamento della manodopera in un’azienda di Lusia (RO). La vicenda risale a qualche giorno fa, nel corso di un servizio sul territorio effettuato dai carabinieri insieme con personale della Direzione Provinciale del Lavoro e del Corpo Forestale, al fine di prevenire e reprimere il fenomeno del caporalato e dello sfruttamento della manodopera clandestina.

Durante il controllo di un’azienda agricola di Lusia (RO) un lavoratore di nazionalità marocchina, soggetto a ordine di espulsione mai ottemperato, stava svolgendo prestazione d’opera nei campi.

Di conseguenza, il titolare dell’azienda agricola, F.M. 38enne del posto, è stato segnalato all’autorità giudiziaria per sfruttamento della manodopera clandestina.

L’operaio di origini magrebine è stato a sua volta denunciato per avere rilasciato false dichiarazioni sulla sua identità personale, nonché per violazione della legge sull’immigrazione, essendo sprovvisto di permesso di soggiorno ed altresì inottemperante all’ordine di espulsione.

Lascia un commento