Maerne, l’ex-biblioteca ospiterà le associazioni

biblioteca maerneLe associazioni di Martellago andranno nella ex biblioteca di via Berti a Maerne. Torna in auge, dunque, l’edificio vicino alle scuole elementari e lasciato nel 2010, quando i libri e tutti i servizi collegati tornarono in piazza IV Novembre. Da quell’estate in poi, la struttura non è stata più sfruttata e ora si tenta il rilancio. Per più di cinque anni è stato il punto di riferimento del servizio; era il novembre 2004 quando la biblioteca in piazza IV novembre iniziava a chiudere i battenti per i lavori di restauro e per portare tutto in via Don Berti. Si trattava di un immobile acquistato dal Comune e circondato da appartamenti. Poi si era tornati in centro a Maerne, con un palazzo disposto su tre piani da 800 metri quadrati, che in gran parte accoglie la biblioteca civica. In sostanza, 270 metri quadrati al primo piano, con area per bambini da 80 metri quadri ed emeroteca e zona scaffalatura.

Al secondo piano ci sono 270 metri quadrati, con sala studio da 130 metri quadrati e 3 aree di ricerca, con diverse postazioni internet e più i locali di servizio. Ma restava l’incognita di via Don Berti. Che farci? Come sfruttare un edificio di proprietà e disposto al piano terra di una palazzina? Il Comune aveva provato a trovare un affittuario, dopo che più di un anno fa la cooperativa Media Luna aveva chiuso il contratto, trasferendo la sua sede altrove. Ma la ricerca è stata vana e nessuno si è dimostrato interessato a utilizzarla. Così in municipio non sono entrati quei fondi sperati, anche perché la ex biblioteca è vasta, l’impegno economica dell’affittuario non sarebbe stato da poco. A questo punto, la proposta di portarci le associazioni si è fatta avanti a poco a poco, consentendo ai tanti gruppi che lavorano per la collettività di trovare una “casa”.

Un posto per chi è iscritto all’Albo comunale delle associazioni, e ne fosse interessato, tenendo presente, poi, che si dovrebbe pagare gli spazi come succede per le altre strutture pubbliche di proprietà del Comune. E pare che qualcuno sia già interessato, considerato che poi la spesa potrebbe essere ammortizzata. Nel frattempo la giunta ha pubblicato una determina per riattivare l’energia elettrica, impegnando 2 mila euro. Dunque nelle prossime settimane, già dei gruppi potrebbero iniziare a prenderne possesso dell’ec biblioteca per farci riunioni.

Alessandro Ragazzo

Lascia un commento