Home Veneto Cultura e spettacoli Open call, la chiamata è per tutti al Teatro Filarmonico di Piove...

Open call, la chiamata è per tutti al Teatro Filarmonico di Piove di Sacco

teatro piove di saccoOpen call! La nuova stagione del Teatro Filarmonico di Piove di Sacco si apre quest’anno con una chiamata rivolta a tutti. Tantissimi i nomi famosi in cartellone per la rassegna di prosa come Giuliana Musso, Natalino Balasso, Lella Costa e Marco Balliani, Petra Magoni e Ferruccio Spinetti, che si alterneranno a nomi cari al pubblico come Andrea Pennacchi, Stivalaccio Teatro eBarabao Teatro. Oltre alla prosa, la proposta del Filarmonico offrirà una rosa di appuntamenti con teatro amatoriale e domeniche a teatro dedicate ai più piccoli.

La stagione, che si svolgerà tra novembre 2016 e aprile 2017, è stata organizzata dall’Associazione Nuova Scena Saccisica in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura di Piove di Sacco e Arteven – Circuito Teatrale Regionale.
Il titolo della rassegna di prosa per la stagione 2016 – 2017 è una chiamata rivolta al pubblico, protagonista e fautore del teatro come luogo sociale di condivisione e confronto. Il pubblico è chiamato a teatro per poter vedere scorrere sul palcoscenico il racconto, il divertimento, la commozione e l’emozione.
La stagione aprirà domenica 20 novembre con Human, nuovo lavoro di Lella Costa e Marco Balliani. Lo spettacolo, per la regia dello stesso Balliani, indagherà quando sta accadendo negli ultimi anni in Europa, intesa non solo come entità geografica ma come sistema “occidentale” di valori e idee.
Nel mese di dicembre ci sarà un doppio appuntamento. Giovedì 1 dicembre salirà sul palco del Teatro Filarmonico il duo voce e contrabbasso Musica Nuda, progetto di Petra Magoni e Ferruccio Spinetti. Little wonder è un omaggio ai loro dodici anni di attività concertistica in Italia e all’estero, per suggellare l’unicità della voce sola insieme alle note del contrabbasso. Il 16 e il 17 dicembre (fuori abbonamento) sarà la volta della compagnia locale Barabao Teatro con Frankenstein; per la regia di Ted Keijeser, i Barabao porteranno in scena una rivisitazione originale, tra linguaggio comico e stile noir, del celebre romanzo di Mary Shelley.
L’anno nuovo ripartirà sabato 21 gennaio con Romeo e Giulietta – L’amore è saltimbanco di Stivalaccio Teatro; all’alba dell’arrivo di Enrico III a Venezia, viene dato il compito a due poveri saltimbanchi di metter in scena la tragica storia dei due giovani amanti, ad aiutarli una “honorata cortigiana”.
Martedì 14 febbraio sulla scena con un microfono vintage Natalino Balasso in Stand up Balasso; un concentrato di parole senza fronzoli, una carrellata di battute, modi di dire, riflessioni indignate, tipiche di uno dei comici più irriverenti del teatro veneto.
Sabato 4 marzo si torna a parlare del più grande drammaturgo di tutti i tempi con Shakespeare for dummies; Andrea Pennacchi di Teatro Boxer, insieme a Pierantonio Rizzato e Nadir Basso, racchiuderanno in un’ora e mezza i 36 testi teatrali e tutti i sonetti del Bardo. A seguire, giovedì 23 marzo, il pluripremiato Mutu dei siciliani Prima Quinta. Al centro la storia di due fratelli, due uomini del nostro tempo, uno prete e l’altro mafioso, ingabbiati nelle loro vesti e nei loro ruoli, ma desiderosi di scappare e di riscattare le proprie vite.
A chiudere la stagione, sabato 1 aprile, sarà il nuovo spettacolo di Giuliana Musso Mio eroe. Protagonista la voce della madre di uno dei 53 soldati italiani caduti in Afghanistan durante la missione Isaf (2001-2014); dai suoi racconti si aprirà una un riflessione sulla logica della guerra.
Gianni Patella