Porto Marghera 1917 – 2017: primo incontro del Comitato per il centenario

porto margheraPartecipazione, accessibilità, memoria e futuro. Sono queste le parole chiave intorno a cui ruoterà il lavoro del Comitato per le celebrazioni del centenario di Porto Marghera, che si è riunito questa mattina a Ca’ Farsetti per il primo incontro operativo.

Istituito dal Mibact, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, e presieduto dal sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, il comitato ha il compito di coordinare, promuovere supportare le iniziative culturali per le celebrazioni dei 100 anni dalla nascita dell’area industriale.

All’incontro, a cui è intervenuto il consigliere del Mibact, Daniele Ravenna, hanno partecipato i membri nominati con decreto ministeriale l’estate scorsa: Tiziano Treu, Pier Paolo Baretta, Gianfranco Bettin, Innocenzo Cipolletta, Renata Codello, Cesare De Michelis, Alberto Ferlenga, Mario Isnenghi, Ignazio Musu, Massimo Bianchi, Federica Bosello in rappresentanza dell’Autorità Portuale e Paolo Lughi per la Biennale di Venezia, Giuliano Segre, Matteo Zoppas, Enrico Piron, Paolo Bizzotto, Gerardo Colamarco, Roberto Marcato.

Attraverso schede di progetto sono state illustrate le diverse modalità con cui verranno avviate iniziative per la valorizzazione, promozione e conoscenza di quanto Porto Marghera ha rappresentato nel passato, con uno sguardo alle sfide del futuro. Tra le proposte discusse il progetto “Porto Marghera racconta”, sezione d’autore con documentazione visiva, “Marghera, spazio di comunità”, sezione partecipata, “Itinerari e laboratori alla scoperta di (Porto) Marghera”, un’occasione per offrire a un ampio spettro di popolazione l’opportunità di visitare il quartiere urbano, “Centro informativo permanente” “Convegni e seminari”.

Al centro del dibattito anche le proposte e l’incarico per la raccolta di finanziamenti e sponsorship. “Un racconto per trovare i semi del futuro”. Questo l’obiettivo delle celebrazioni del centenario secondo il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro che ha dichiarato: “Il comitato per i 100 anni di Porto Marghera, da me fortemente voluto e di cui chiederò la proroga per almeno tre anni, dovrà lavorare su una progettualità, raccontando come Porto Marghera possa diventare una risorsa per tutta l’area metropolitana. Marghera può essere ancora un grande volano per l’economia di tutto in Nord Est e dell’intero Paese, traino della nuova manifattura e del lavoro delle persone”.

Lascia un commento