Home Veneziano Provinciale Porto Marghera tra le aree di crisi industriale, Zaia: "Il Governo dia...

Porto Marghera tra le aree di crisi industriale, Zaia: “Il Governo dia sostegno”

 

porto margheraNel contesto dell’esame delle aree di crisi non complessa, la giunta regionale ha preso in esame anche la contradittoria situazione della classificazione di Porto Marghera come area di crisi industriale complessa. La questione è stata posta alla massima attenzione nella riunione  del 24 ottobre scorso del Tavolo Permanente per Porto Marghera che ha unanimemente concordato la reiterazione della richiesta al Ministero dello Sviluppo Economico di riconoscere Porto Marghera e le aree limitrofe quali Aree di Crisi Industriale Complessa, prendendo atto delle mancate risposte ministeriali all’istanza a suo tempo inoltrata dalla Regione.

Il presidente della Regione Luca Zaia ha immediatamente rinnovato ai ministri dello sviluppo economico Carlo Calenda  e dell’ambiente Gian Luca Galletti la richiesta formale di riconoscere Porto Marghera come area di crisi industriale complessa. Zaia ha ribadito che la riqualificazione ambientale e la rigenerazione economica di Porto Marghera rappresentano da molti anni un punto focale nelle politiche regionali di gestione del territorio e di sostegno al tessuto produttivo del Veneto.

Per contribuire al conseguimento di questi obiettivi, su istanza della Regione, ancora nel 2011 con decreto della Direzione Generale per la politica industriale e la competitività del Ministero dello Sviluppo Economico erano state accertate le condizioni per il riconoscimento di crisi industriale complessa dell’area di Porto Marghera e delle zone limitrofe. Ma le successive richieste formulate dalla giunta regionale non hanno avuto nessun riscontro e la Regione non è stata portata a conoscenza nemmeno del venir meno delle disposizioni relative al decreto che aveva qualificato nel 2011 Porto Marghera come area di crisi industriale complessa.

In ogni caso – ha sottolineato con forza Zaia ai ministeri e al governo– la questione relativa alla riconversione e riqualificazione industriale di Porto Marghera e delle aree limitrofe va tenuta nella massima considerazione a 360 gradi.

“È infatti ineludibile – aggiunge – che il Governo si impegni a sostenere finanziariamente – accanto alle opere di regolazione delle maree alle bocche della Laguna – la conclusione degli interventi di messa in sicurezza e di qualificazione ambientale della Zona Industriale di Marghera, come ampiamente sottolineato anche dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati, accompagnando così i gravosi impegni che questa Regione ha in corso con il “Progetto integrato Fusina”, con l’Accordo di Programma “Moranzani” e con l’Accordo di Programma sottoscritto con il Ministero dello Sviluppo Economico il 9 gennaio 2015”.

“L’obiettivo – conclude Zaia – è quello di rendere Porto Marghera un’area ecologicamente attrezzata, presupposto fondamentale per promuoverne la ripresa e lo sviluppo sostenibile e per avviare un processo di recupero produttivo di rilevanza nazionale, come ampiamente auspicato dalle istituzioni locali e dalle rappresentanti delle istanze economiche e sociali del Veneto”.