Porto Tolle, presto lo sbocco a mare a Pila

porto tolleL’intervento dal valore di 40mila euro, sostenuto da Sistemi territoriali e dAlle cooperative Pilamare e Pescatori di Pila, è realizzato dalla ditta Nordico per conto di sistemi territoriali. ”I lavori – ha affermato l’assessore alla Pesca Valerio Gibin- si sono resi necessari per il ripristino della navigabilità in entrata e uscita dal porto peschereccio di Pila in seguito a episodi di incagliamento delle imbarcazioni”.

Un problema non da poco quello dell’insabbiamento della bocca a mare di Pila, perché mette in ginocchio l’attività del porto peschereccio e della sua flotta, che conta una cinquantina di imbarcazioni dedite soprattutto alla pesca del pesce azzurro e a servizio degli allevamenti di mitili a mare. Imbarcazioni di limitato pescaggio, che tuttavia possono entrare e uscire dal porto solo sei fondali garantiscono almeno 3 metri di profondità. Nel frattempo è stato avviato l’iter progettuale per l’intervento ambientale risolutivo con gli enti che regolano l’area del Po, per garantire nel tempo la funzionalità di accesso delle bocche di porto e della laguna Barbamarco, salvaguardando così la principale attività economica di Pila che garantisce reddito ad almeno 200 famiglie della zona.

“Faremo in modo che nel bilancio di previsione 2017 della Regione Veneto ci siano le prime risorse per il progetto risolutivo”, assicurano gli assessori regionali Giuseppe Pan e Cristiano Corazzari.

 

Guendalina Ferro

Lascia un commento