Rovigo, si inaugura il 5 novembre la stagione concertistica con “American songs” al Teatro Sociale

 

teatro sociale RovigoSi apre con il grande soprano Lydia Easley la nuova stagione concertistica del Teatro Sociale di Rovigo. “American songs” la storia americana appassionatamente in musica, è il concerto in programma sabato 5 novembre alle 17 al Ridotto del Teatro Sociale di Rovigo. L’evento è organizzato dall’assessorato alla Cultura – Teatro Sociale, in collaborazione con Rovigo jazz club. Saranno protagonisti Lydia Easley, Stefano Muscovi e Carlos Morejano.
“American Songs” è un progetto che racconta in musica cent’anni di storia americana: dalla lotta per la parità dei diritti tra neri e bianchi, alla guerra civile, ai sogni di gloria e conquista di pionieri e cowboys attraverso le melodie di Gershwin, Bernstein e degli altri autori americani quali Samuel Barber ed Aaron Copland. Massimo rappresentante della scuola americana dei primi anni Venti, Aaron Copland scrive le sue pagine più significative nel periodo emergente della musica jazz.

“The Boatmen’s Dance”, “Long Tima Ago”, “Simple Gifts”, “I buought me a Cat”, sono solo alcune delle sue canzoni. Conosciuto in tutto il mondo per il celeberrimo “Adagio per archi”, Samuel Barber si dedicò alla riscoperta di forme più tradizionali, caratterizzandosi per un senso della melodia lussureggiante con modernismi neoromantici che rendono le sue arie tra le più popolari del repertorio classico del XX secolo.

Tra i massimi rappresentanti della cultura americana, il nome di Leonard Bernstein è legato indissolubilmente ad un’attività di compositore e direttore d’orchestra dalle rare doti artistiche ed umane. Nato nel 1918 in Massachusetts nel 1918 da una famiglia di ebrei polacchi, Bernstein si battè sempre con impegno e costanza per i diritti umani e civili del popolo afroamericano, riuscendo grazie alla sua fama a portare avanti importantissimi progetti. Del suo repertorio vocale ascolteremo “La Bonne Cuisine”, composizione molto significativa che trova in questo progetto il perfetto connubio anche con una raffinata e divertita proposta culinaria. Quasi tutte le sue canzoni sono diventate successivamente dei grandi standards e reinterpretate da cantanti e musicisti jazz del calibro di Louis Armstrong, Ella Fitzgerald, Judy Garland, Frank Sinatra solo per citarne alcuni.
Il costo del biglietto intero è 10 euro, il biglietto ridotto solo per abbonati 2016 è di 6 euro.

 

 

Lascia un commento